Allarme ambientale in California: lo sversamento di 476mila litri di greggio forse causato da un’ancora

Sversati 476 litri di greggio al largo delle coste del sud della California nel fine settimana

MeteoWeb

Potrebbe essere l’ancora di una nave, che si sarebbe agganciata a una conduttura dell’oleodotto, la causa dello sversamento di circa 476mila litri di greggio, avvenuto al largo delle coste del sud della California nel fine settimana: lo hanno rivelato gli investigatori federali.
E’ possibile che una nave da carico – inavvertitamente o meno – abbia trascinato l’ancora lungo il fondale dell’oceano, agganciandosi alla conduttura d’acciaio ricoperta di cemento tirandola per oltre 30 metri fino a quando non si è forata o rotta.

Secondo quanto emerso dalle indagini infatti, le tubature erano rotte, a una profondità di 30 metri e una sezione di oltre un km si trovava, staccata, sul fondale. “La tubatura è stata essenzialmente tirata come una corda,” ha spiegato Martyn Willsher, CEO di Amplify Energy Comporation, l’operatore responsabile dell’oleodotto, “il punto più distante si trovava a 32 metri dal luogo di origine“.

Già venerdì notte era stata riportata una possibile fuoriuscita, odore di petrolio e una patina oleosa in acqua a largo di Huntington Beach, ma non senza certezze, e Amplify Energy Comporation non avrebbe segnalato sversamenti fino alla mattina successiva, secondo le autorità. Un allarme è scattato nella sala di controllo della compagnia alle 02:30 di sabato, quando è stato segnalato un calo della pressione nelle condutture, una possibile perdita. Amplify avrebbe atteso fino alle 6 per spegnere il sistema dell’oleodotto. In seguito la compagnia avrebbe atteso altre 3 ore prima di avvertire il Centro di risposta nazionale della Guardia costiera addetto alle fuoriuscite di petrolio, cosa che avrebbe rallentato ulteriormente gli interventi.