Allerta Meteo, l’Uragano Mediterraneo “Apollo” preoccupa sempre di più: previsioni peggiorate per le prossime 36 ore

Allerta Meteo: il Medicane potrebbe toccare le coste siciliane e agire sul tratto di Jonio di fronte alle coste siciliane e calabresi. Rischio fino 150/200 mm di pioggia, ma potrebbero essere anche di più. Allarme rosso

MeteoWeb

Siamo oramai a poche ore dall’azione più possente della “Tempesta Mediterranea” Apollo, con previsioni meteo che peggiorano per diverse aree dell’estremo Sud Italia. Gli ultimi aggiornamenti, infatti, vedono il ciclone avanzare verso Nord fino a sfiorare le coste siciliane, soprattutto del Siracusano, che potrebbe essere l’area italiana più colpita dal fenomeno. Dunque, Apollo con buona probabilità toccherà la Sicilia e potrebbe portarsi molto vicino anche alla Calabria ionica apportando nelle prossime 24/48 ore un sensibile peggioramento del tempo su queste regioni. La sua traiettoria più prossima alla terraferma, però, potrebbe togliergli energia vorticosa, quella essenzialmente fornita dal mare tiepido largo, per cui il suo passaggio verso le coste potrebbe renderlo una tempesta mediterranea anziché uragano, perlomeno in termini di vento.

 

Rimane ancora una certa incertezza se, soprattutto verso la Sicilia sudorientale, essenzialmente area Siracusana, il fenomeno possa manifestarsi, in riferimento ai venti, in forma di Fortunale, venti max fino 103/118 km, o di Medicane, venti oltre 119 km. In ogni modo, al di là della classificazione tecnica del fenomeno, sostanzialmente borderline tra le due tipicità, il ciclone sarà certamente possente e porterà un peggioramento significativo soprattutto sulla Sicilia orientale, ma centro-orientale un po’ tutta, e anche poi sulla Calabria ionica. C’è qualche simulazione che vedrebbe il ciclone avanzare addirittura verso Nord, fino a sfondare sul Tirreno, in questo caso oltremodo depotenziato a Depressione Mediterranea, ma si tratta di una probabilità al momento ancora non molto elevata. Allo stato attuale dei dati c’è qualche probabilità in più che il vortice, una volta raggiunto le coste ioniche siciliane, all’altezza più o meno del Siracusano, Catanese, possa indietreggiare per poi depotenziarsi in direzione Sud, verso il Mar Libico settentrionale. L’aspetto traiettoria lo vedremo meglio nelle prossime ore mentre, secondo le previsioni attuali, ci teniamo a sottolineare l’aspetto precipitazioni che potrebbe tornare a essere eccezionale per alcune aree, soprattutto per quelle sud-orientali siciliane, specie Siracusano, dove sarebbero attesi fino a 200 mm tra venerdì 29 e sabato 30, per giunta con vento forte  fino anche a 70/80/100 km/h. Piogge forti anche sul Ragusano, fino a 150 mm, sul settore Tirrenico calabrese, tra Reggino e Sud Catanzarese, anche qui fino a 150 o anche 170 mm, 40/80 mm sul resto della Sicilia centro-orientale e tra il resto del Catanzarese e il Crotonese. Ricordiamo, tuttavia, che il fenomeno tempestoso atteso sull’estremo Sud Italia nelle prossime ore, sarà in continua evoluzione con mutamenti continui anche della traiettoria e dei fenomeni conseguenti. Raccomandiamo di seguire i costanti aggiornamenti.

Per monitorare la situazione meteo, ecco le migliori pagine del nowcasting: