L’aurora boreale si spinge a latitudini più basse: spettacolo visibile fino a Scozia e Inghilterra – FOTO

Grazie ad un enorme brillamento solare, lo spettacolo dell’aurora ha incantato gli osservatori del Nord Europa, come in Lapponia, Islanda, Russia, Scozia, Inghilterra settentrionale

/
MeteoWeb

Un enorme brillamento solare ha innescato lo spettacolo delle aurore polari in alcune zone della Terra. Il 28 ottobre, un potente brillamento solare ha rilasciato un’onda di particelle cariche che ha raggiunto la Terra la scorsa notte, giusto in tempo per Halloween. Ha provocato una tempesta geomagnetica di classe G3 nell’alta atmosfera della Terra e potrebbe rendere le aurore polari, che tipicamente si osservano intorno al Polo Nord, visibili a latitudini molto più basse del normale.

Lo spettacolo dell’aurora ha incantato gli osservatori del Nord Europa, come in Lapponia, Islanda, Russia, Scozia, Inghilterra settentrionale, ma anche del Canada (vedi foto della gallery scorrevole in alto).

Le aurore boreali e australi si verificano quando particelle cariche del vento solare colpiscono le particelle nell’alta atmosfera della Terra, provocando un bagliore visibile dalla superficie. Queste particelle sono incanalate verso i poli della Terra dal campo magnetico del pianeta, il che le rende normalmente visibili dalle alte latitudini più vicine ai poli.

Durante un grande brillamento solare, il sole può rilasciare potenti tempeste di radiazioni ed eruzioni note come espulsioni di massa coronale che inviano molte più particelle cariche verso la Terra rispetto al vento solare normale. Questo è quanto è successo durante il brillamento solare del 28 ottobre, che ha inviato un’espulsione di massa coronale verso la Terra a 3,5 milioni di chilometri orari. Questa ondata di particelle ha raggiunto la Terra nella notte tra 30 e 31 ottobre, rendendo le aurore visibili a latitudini più basse. Queste condizioni dovrebbero continuare anche durante la notte di Halloween.