Covid: in Germania aumentano i contagi ma il nuovo governo pianifica la fine dello stato di emergenza per il 25 novembre

In Germania è sempre più vicina la fine dello stato d'emergenza epidemica, tutti i provvedimenti anti-Covid cesseranno entro marzo 2022

MeteoWeb

Nonostante la curva dei contagi sia tornata a crescere, in Germania il futuro governo intende mettere fine dello stato d’emergenza. epidemica: lo hanno affermato i rappresentanti dei gruppi parlamentari dell’Spd, dei Verdi e dei liberali, ossia il socialdemocratico Dirk Wiese, la capogruppo degli ambientalisti Katrin Goering-Eckardt, e capo organizzativo dell’Fdp al Bundestag, Marco Buschmann.
I partiti sono al momento in fase di negoziazione per la formazione della cosiddetta coalizione “semaforo” che dovrebbe diventare operativa a metà dicembre: il piano sarebbe quello di mettere fine allo stato d’emergenza il prossimo 25 novembre.
Col termine dello stato emergenziale, però, è necessario un intervento legislativo per potere mantenere alcune misure, come l’obbligo di indossare la mascherina negli spazi pubblici o la regola del “3G” (accesso solo a chi è vaccinato, ottenuto un tampone negativo recente o chi è guarito dal Covid). In ogni caso, “si tratterebbe di un regolamento di transizione“, ha assicurato Goering-Eckardt.
In generale, si prevede una fine di tutti i provvedimenti anti-Covid per la fine di marzo 2022.
Attualmente i contagi nel Paese sono in crescita, ma secondo Wiese “la situazione è diversa rispetto a prima“, alla luce dell’aumento dei vaccinati non vi sarebbe “un rischio serio per il sistema sanitario“, fatto dimostrato anche dal basso livello di ospedalizzazioni.
Secondo il Robert Koch Institut, il centro epidemiologico nazionale, ieri sono state registrate 23.212 nuove infezioni, 6197 in più rispetto al mercoledì della scorsa settimana. Il tasso d’incidenza (i contagi su 100mila persone sui 7 giorni) tocca ormai quota 118, mentre quota 100 è stata superata venerdì scorso, per la prima volta dallo scorso maggio. La campagna vaccinale in Germania è più lenta rispetto a quella italiana: attualmente è al 69,2%, con il 66,4% di immunizzazioni complete.