L’ottobre nero di Facebook, prima del down di ieri la denuncia di una ‘talpa’: “Danneggia volutamente i minori e indebolisce la democrazia”

Facebook è pericoloso perché danneggia volutamente gli adolescenti e la democrazia in nome del profitto: la denuncia di una 'talpa' contro il noto social network

MeteoWeb

Ci sono volute sei ore affinché, dopo l’interruzione di Facebook, WhatsApp e Instagram, i tre noti social network riprendessero a funzionare e tornassero online, sebbene la copertura fosse ancora discontinua.

Il sito di monitoraggio delle interruzioni Down Detector ha registrato decine di migliaia di rapporti per ciascuno dei servizi. Il sito di Facebook non si caricava affatto; Instagram e WhatsApp erano accessibili, ma non si potevano caricare nuovi contenuti o inviare messaggi. L’interruzione è avvenuta in un periodo di crescenti difficoltà per l’azienda. In un’audizione al Senato statunitense del 30 settembre, il senatore Richard Blumenthal ha fatto pressioni sul capo della sicurezza globale di Facebook, Antigone Davis, su Instagram di proprietà di Facebook e sul potenziale impatto negativo della piattaforma sui bambini, in particolare sulle ragazze. Instagram ha promosso pagine che glorificano i disturbi alimentari, proponendole soprattutto ad account di adolescenti.

Domenica scorsa il programmo americano “60 Minutes” ha mandato in onda un servizio in cui l’informatore di Facebook Frances Haugen ha affermato che la società è a conoscenza di come le sue piattaforme vengono utilizzate per diffondere odio, violenza e disinformazione e che Facebook ha cercato di nascondere tali prove. Facebook ha respinto tali affermazioni, ma Haugen è stata molto precisa nelle sue accuse. “Sono qui perché credo che i prodotti di Facebook danneggino gli adolescenti, seminino divisioni e indeboliscano la nostra democrazia“, ha dichiarato l’ex product manager di Fb. “La leadership della compagnia sa come rendere Facebook e Instagram più sicuri ma non vuole fare i necessari cambiamenti perché ha messo i suoi astronomici profitti davanti alla gente e ha scelto di crescere ad ogni costo“, ha detto, rievocando i continui “conflitti tra profitti e sicurezza”.

L’intervista ha seguito settimane di segnalazioni e critiche nei confronti di Facebook dopo che Haugen ha reso noti migliaia di pagine di documenti interni alle autorità di regolamentazione e al Wall Street Journal. Martedì Haugen testimonierà davanti alla sottocommissione del Senato per la protezione dei consumatori, la sicurezza dei prodotti e la sicurezza dei dati. Nella sua testimonianza preparata, ottenuta dalla CNN lunedì prima della sua apparizione davanti alla sottocommissione, Haugen ha detto: “Mi sono fatta avanti perché ho riconosciuto una verità spaventosa: quasi nessuno al di fuori di Facebook sa cosa succede all’interno di Facebook“. Facebook ha rifiutato di commentare.

Il fatto che Facebook, Instagram e WhatsApp abbiano avuto tutti problemi significativi per circa sei ore è stato un evento importante per molti utenti. “Non so se ho già visto un’interruzione come questa da parte di una grande azienda di Internet“, ha affermato Doug Madory, direttore dell’analisi di Internet presso la società di monitoraggio della rete Kentik. Per molte persone, ha riferito Madory alla CNN: “Facebook equivale ad Internet“. Le aziende a volte perdono la connettività Internet quando aggiornano le loro configurazioni di rete, ha spiegato. È quello che è successo a giugno a Fastly, una società di cloud computing statunitense, che ha subito un’interruzione di Internet a livello globale per circa 50 minuti. Ma il fatto che un’azienda delle dimensioni e delle risorse di Facebook sia rimasta offline per circa sei ore suggerisce che non c’era una soluzione rapida per il problema.

facebook no vax

Facebook ha twittato subito dopo circa sei ore che le sue app e i suoi servizi stavano ricominciando a funzionare. “Per l’enorme comunità di persone e aziende in tutto il mondo che dipendono da noi: ci dispiace“, ha dichiarato il social. “Abbiamo lavorato duramente per ripristinare l’accesso alle nostre app e ai nostri servizi e siamo felici di annunciare che stanno tornando online ora. Grazie per averci sopportato“.

Oggi, Santosh Janardhan, vicepresidente delle infrastrutture di Facebook, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la società era “dispiaciuta per l’inconveniente causato dall’interruzione delle nostre piattaforme”. “I nostri team di ingegneri hanno appreso che le modifiche alla configurazione sui router di dorsale che coordinano il traffico di rete tra i nostri data center hanno causato problemi che hanno interrotto questa comunicazione. Questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui i nostri data center comunicano, portando i nostri servizi a un livello fermati“, ha detto Janardhan.

facebook

Janardhan ha affermato che la società “non ha prove che i dati degli utenti siano stati compromessi a causa di questo tempo di inattività“. Diversi esperti di sicurezza hanno rapidamente indicato un problema DNS (Domain Name System) come possibile colpevole. E anche la divisione di analisi Internet di Cisco ThousandEyes ha dichiarato su Twitter che i suoi test hanno indicato che l’interruzione era dovuta a un guasto DNS in corso. Il DNS traduce i nomi dei siti Web in indirizzi IP che possono essere letti da un computer. Viene spesso chiamata la “rubrica di Internet“.
Più di quattro ore dopo l’inizio dell’interruzione, il CTO di Facebook Mike Schroepfer ha twittato : “Stiamo riscontrando problemi di rete e i team stanno lavorando il più velocemente possibile per eseguire il debug e il ripristino il più velocemente possibile“.

Quando i servizi hanno iniziato a tornare online, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook.
Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger stanno tornando online ora“, ha scritto. “Scusate per l’interruzione di oggi, so quanto vi affidiate ai nostri servizi per rimanere in contatto con le persone a cui tieni“.