Ore di tensione a La Palma dopo il crollo della parete nord del cono del vulcano Cumbre Vieja: si teme un ulteriore collasso [FOTO e VIDEO]

Il crollo della parete nord del vulcano ha portato a ore di tensione, non solo perché la lava dal cratere scorreva in direzioni diverse, ma anche perché il vulcano è diventato più esplosivo

  • Foto Miguel Calero / Ansa
    Foto Miguel Calero / Ansa
  • Foto Miguel Calero / Ansa
    Foto Miguel Calero / Ansa
/
MeteoWeb

Il vulcano che ha iniziato a eruttare il 19 settembre a La Palma, nelle Isole Canarie, in Spagna, ha mostrato ancora una volta il suo potere distruttivo durante il fine settimana. Sabato, parti della parete nord del cono del vulcano Cumbre Vieja sono crollate, portando la lava a traboccare in diverse direzioni. Questo cedimento ha portato a un “notevole aumento” della quantità di lava che fuoriesce dal vulcano e ha mobilitato blocchi sciolti di roccia fusa di decine di metri cubi, hanno spiegato fonti del Piano di prevenzione del rischio vulcanico delle Isole Canarie (Pevolca).

Il crollo della parete nord del cono ha creato 3 nuovi flussi di lava, ha spiegato il direttore tecnico di Pevolca Miguel Ángel Morcuende. Il più preoccupante dei tre – riporta il quotidiano spagnolo El País – è avanzato verso la zona industriale di El Callejón de la Gata nel comune di Los Llanos de Aridane. L’Istituto di vulcanologia delle Isole Canarie (Involcan) ha riferito domenica che la lava ha distrutto i pochi edifici rimasti ancora in piedi a nord del quartiere Todoque della città, che è stato quasi completamente inghiottito dalla colata lavica tra il 30 settembre e il 1 ottobre.

la palma cumbre vieja

Il crollo della parete nord del vulcano ha portato a 24 ore di tensione, non solo perché la lava dal cratere scorreva in direzioni diverse, ma anche perché il vulcano è diventato più esplosivo. “La scorsa notte (sabato) è stata una notte difficile,” ha ammesso Morcuende.
Il cedimento non ha sorpreso gli esperto del Pevolca. Secondo il comitato di emergenza, “questi processi di riconfigurazione” sono perfettamente normali in eruzioni stromboliane come quella di La Palma, che sono caratterizzate da grandi esplosioni e una lenta colata lavica. Pertanto, è probabile che il cono subirà ulteriori crolli.

Morcuende ha spiegato ieri che i nuovi flussi di lava si sono spezzati in due, entrambi a nord del flusso principale di roccia fusa. Uno sta attualmente viaggiando più a nord e domenica ha raggiunto Callejón de la Gata. Si muove a una velocità ridotta, di circa 5 m/h. Le autorità stanno osservando da vicino il suo avanzamento per valutare se è necessario intraprendere azioni per proteggere la popolazione locale.

Il secondo flusso ha attraversato la strada LP-213 e viaggia da nord a sud tra Todoque e Puerto Naos nella città di Tazacorte: dovrebbe avanzare parallelamente al flusso principale e raggiungere il mare andando a nord del monte Todoque.

Secondo Morcuende, la lava ha finora interessato 525,27 ettari, un’area che è cresciuta di 33 ettari in sole 24 ore. Nel suo punto più largo, il fiume di roccia fusa si estende per 1.520 metri. Secondo gli ultimi dati del sistema di osservazione europeo Copernicus, la lava ha distrutto completamente o parzialmente 1.186 edifici, con altri 95 a rischio.

collasso cumbre vieja
Foto Miguel Caro / Ansa

Nel frattempo, l’attività sismica è aumentata a La Palma: domenica sono state registrate 21 scosse sull’isola delle Canarie, la più grande delle quali misurava 3,8 gradi della scala Richter e si è verificata a una profondità di 34 km. Delle 21 scosse registrate, 18 si sono verificate nel comune di Fuencaliente, due a El Paso e una a Mazo. La direttrice scientifica di Pevolca, María José Blanco, ha avvertito domenica che questi terremoti potrebbero portare a un ulteriore collasso del cono vulcanico.

La qualità dell’aria, tuttavia, è rimasta inalterata domenica nonostante l’aumento dell’attività, il che significa che i due aeroporti della vicina isola di Tenerife sono stati in grado di rimanere aperti. La direzione del vento e la disposizione del pennacchio di fumo proveniente dal vulcano dovrebbero cambiare da oggi. “Non possiamo escludere che ciò influirà sulle operazioni degli aeroporti di Tenerife,” ha detto Blanco.

Il ministro della Difesa spagnolo Margarita Robles ha visitato La Palma domenica per vedere in prima persone le aree colpite e incontrare i membri dell’Unità militare di emergenza che sono stati schierati per affrontare la crisi. Robles ha anche annunciato che le forze armate contribuiranno allo sforzo di rimozione delle ceneri dal vulcano a partire da oggi.

La Palma, la lava del vulcano Cumbre Vieja è inarrestabile [VIDEO]