Previsioni Meteo, la tendenza per novembre: verso due fasi abbastanza distinte

Previsioni Meteo: dapprima più umido e instabile, poi possibile circolazione più meridiana con staffetta tra moderata alta pressione e primi tentativi di irruzioni fredde. Tutti i dettagli con le aree più coinvolte

MeteoWeb

Il modello matematico europeo ECMWF ha appena aggiornato i dati sul lungo termine e riferiti al mese di novembre 2021. Sulla base delle ultimissime elaborazioni, le previsioni meteo circa la possibile tendenza per il secondo mese autunnale, presentano diversi elementi interessanti. In linea di massima, l’evoluzione mensile vedrebbe due fasi abbastanza distinte: una prima fase più o meno corrispondente alla prima decade o anche magari alla prima metà, potrebbe vedere una circolazione più mite, ma anche instabile occidentale. Nella sostanza, correnti in origine abbastanza fredde provenienti dai settori scandinavi, potrebbero tentare un affondo più occidentale, nel comparto europeo, con asse instabile che dalla Scandinavia punterebbe il Regno Unito per poi affondare verso la Penisola Iberica e il settore atlantico orientale.

In questo contesto, le previsioni meteo computerebbero un tempo più instabile e anche relativamente freddo, per il periodo, sull’Europa settentrionale e verso i settori occidentali. Circa l’Italia, parte delle nostre regioni, essenzialmente quelle settentrionali e del medio-alto Tirreno, potrebbero risentire in maniera più ricorrente di aria instabile proveniente dai settori occidentali del Mediterraneo, in grado di arrecare anche rovesci e temporali, soprattutto sulle regioni settentrionali, di più su quelle alpine e prealpine, e tra Toscana e Liguria, magari  anche verso il Lazio e fino alla Campania. Insomma, un tipo di tempo umido e instabile a matrice occidentale con occasioni per precipitazioni sui versanti esposti a Ovest e a Sud, ossia quelli Nord e Ovest della penisola. Un po’ più sottovento le regioni adriatiche e meridionali, magari anche quelle insulari, con instabilità più fiacca o meno ricorrente, tuttavia anche qui potrebbero scappare precipitazioni irregolari. Il campo termico sarebbe sopra norma ovunque. Il prosieguo del mese, invece, vedrebbe un ribaltamento del pattern barico, con l’alta pressione che andrebbe progressivamente occupando gli spazi in precedenza depressionari sull’Ovest del continente, e che cederebbe posizioni, invece, su quelli centro-orientali. In questo contesto, l’Italia sarebbe più esposta a una circolazione meridiana, talora con più invadenza anticiclonica e tempo discreto, sebbene via via più fresco, ma in qualche fase, soprattutto nel corso della terza decade di novembre, ci sarebbero opportunità per possibili prime irruzioni di aria fredda di matrice scandinava o continentale. Insomma, possibile crescendo più freddo nel corso del mese, sebbene anche più asciutto, ma con l’insidia di qualche prima sortita di stampo tipicamente invernale e magari più efficace, in termini di precipitazioni e anche di primi fiocchi a quote medio-basse, per i settori centro-meridionali, specie adriatici e appenninici. La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare la possibile tendenza di massima per il mese di novembre apportando periodici aggiornamenti.