Previsioni Meteo: verso metà mese l’autunno diventa più freddo, prima neve fino a 1000/1200 metri

Previsioni Meteo: disposizione meridiana della circolazione con afflusso di aria più fredda scandinava, più sensibile calo termico e clima simile invernale. Le ultimissime

MeteoWeb

Previsioni meteo per crescendo autunnale nei prossimi giorni, con  saccature instabili nord-atlantiche sempre più incisive verso i settori centrali del Mediterraneo e addirittura correnti via via più fredde dai settori scandinavi intorno a metà mese. Dunque, prospettive di tempo decisamente compromesso per un lungo periodo con progressiva successione a correnti perturbate, ma più miti meridionali, di altre via via più fredde di matrice settentrionale. In realtà, una impostazione settentrionale della circolazione instabile sull’Italia accadrà già nel corso dei prossimi giorni ma, verso metà mese, potrebbe esserci un’azione scandinava più diretta verso i settori centrali del nostro bacino, con ingresso di prima aria moderatamente fredda.

Stando alle ultime previsioni meteo, dopo già un’azione perturbata importante, collegata a minimi depressionari sulle regioni meridionali italiane con correnti settentrionali e piogge importanti sul medio-basso Adriatico e al Sud per tutto il periodo a cavallo tra la fine della prima decade di ottobre e l’inizio della seconda, verso metà mese il contributo di aria via via più fredda di origine scandinava potrebbe farsi progressivamente più deciso, con ulteriore calo della temperatura e azioni instabile di stampo simili invernale. L’instabilità, magari, potrebbe essere più frammentata e circoscritta, rispetto al periodo precedente, proprio per via di un progressivo afflusso di area fredda anche nei bassi strati e, quindi, minore divario termico verticale tuttavia, la circolazione impostata più schiettamente da Nord, potrebbe portare i primi sentori invernali con possibilità, oltre che di piogge e rovesci sparsi, specie sulle regioni centro-meridionali e localmente di Nordest, anche di prime occasioni per fiocchi fino a 1.000/1.200 m sui settori alpini, soprattutto centro-orientali, e fiocchi fino a 1.500/1.600 m sull’Appennino centrale. Naturalmente campo termico in ulteriore crollo, secondo le previsioni meteo, con minime sia sulle pianure del Nord che sulle colline appenniniche, a una cifra. Maggiori dettagli sulla tendenza a cambiamento più autunnale o tardo autunnale del tempo via via nei prossimi giorni e verso metà mese, nei nostri quotidiani aggiornamenti.