Si intensifica l’eruzione del Cumbre Vieja a La Palma, il vulcano è “molto più aggressivo”

Il vulcano Cumbre Vieja è "molto più aggressivo", a due settimane dall'inizio dell'eruzione sull'isola di La Palma

MeteoWeb

Nell’area del vulcano Cumbre Vieja, in eruzione sull’isola di La Palma dallo scorso 19 settembre, si sono aperte altre due fessure venerdì, che hanno emesso lava, con le autorità che hanno segnalato un’attività “intensa“. Le nuove fessure, a circa 15 metri di distanza, producono strisce di roccia fusa rosso fuoco che si dirigono verso il mare, parallele a un flusso precedente che ha raggiunto l’Oceano Atlantico all’inizio di questa settimana. La nuova area di lava solidificata dove la roccia fusa scorre nel mare si estende su oltre 20 ettari.
Il vulcano è “molto più aggressivo“, due settimane dopo l’inizio dell’eruzione sull’isola di La Palma, ha affermato Miguel Angel Morcuende, direttore tecnico del dipartimento di risposta all’emergenza delle Isole Canarie.
Durante la notte, gli scienziati hanno registrato 8 nuovi terremoti fino a magnitudo 3.5.
Il vulcano ha emesso gas e cenere che hanno raggiunto i 6mila metri d’altezza, hanno reso noto i funzionari. L’evacuazione di oltre 6.000 persone dall’eruzione del 19 settembre ha aiutato a evitare vittime.
I funzionari stanno monitorando la qualità dell’aria lungo la costa: i livelli di anidride solforosa nell’area sono aumentati ma non rappresentano una minaccia per la salute, ha affermato il governo de La Palma. Tuttavia, è stato consigliato ai residenti locali di rimanere in casa. E’ stato anche raccomandato alle persone sull’isola di indossare maschere per il viso e protezioni per gli occhi per proteggersi dalle ricadute di cenere vulcanica.

Il vulcano ha finora emesso circa 80 milioni di metri cubi di roccia fusa, più del doppio della quantità dell’ultima eruzione dell’isola, nel 1971. La lava ha finora distrutto o parzialmente distrutto più di 1.000 edifici, comprese case e infrastrutture agricole, e sepolto circa 709 ettari di terreno.

La Palma, che ospita circa 85mila persone che vivono principalmente di frutticoltura e turismo, è un’isola vulcanica delle Canarie, un arcipelago al largo dell’Africa nord-occidentale che fa parte del territorio spagnolo. L’isola è lunga circa 35 km e larga 20 km nel suo punto più ampio.