Spazio, brutte notizie per la Corea del Sud: il razzo Nuri fallisce la missione, non è riuscito a portare in orbita il satellite di prova

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha annunciato che il razzo Nuri ha completato tutta la sequenza di volo, ma non è riuscito a mettere in orbita un satellite di prova

MeteoWeb

Il razzo lanciato oggi alle 10 ora italiana dalla Corea del Sud, realizzato interamente con tecnologia domestica, non è riuscito a portare a termine la sua missione, cioè immettere in orbita il suo satellite di prova: lo ha confermato l’agenzia Yonhap, che cita una dichiarazione del presidente sud-coreano, Moon Jae-in.
Purtroppo l’obiettivo non è stato completamente raggiunto,” ha dichiarato Moon, esprimendo fiducia per il prossimo lancio, che si terrà a maggio 2022.

Il razzo KSLV-II – noto anche come Nuri – da 200 tonnellate è partito alle 17 ora locale dal Naro Space Center nella località di Goheung, sulla costa meridionale della Corea del Sud, con l’obiettivo di portare in orbita un satellite di prova da 1,5 tonnellate.

La Corea del Sud ha investito a partire dal 2010 duemila miliardi di won (1,8 miliardi di dollari) per la realizzazione del razzo 3 stadi. I precedenti lanci nel 2009 e nel 2010 si erano conclusi in un fallimento, ha ricordato l’agenzia Yonhap, mentre il lancio del 2013 del primo razzo Naro aveva avuto successo, ma il primo stadio del veicolo spaziale era stato costruito in Russia.