Spazio e clima, Cheli (ESA): “allo studio un satellite che studierà le emissioni di CO2”

L'ESA "sta studiando un satellite, battezzato CO2, che studierà le emissioni di anidride carbonica di origine antropogenica"

MeteoWeb

L’Agenzia Spaziale Europeasta studiando un satellite, battezzato CO2, che studierà le emissioni di anidride carbonica di origine antropogenica“: lo ha annunciato Simonetta Cheli, capo dell’Ufficio Strategia, Programma e Coordinamento presso la Direzione dell’Osservazione della Terra dell’Agenzia Spaziale Europea, nel corso del suo intervento a “Il pianeta che cambia – uno sguardo dall’alto”, il live event di ESA e ASI con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, promosso in vista della prossima COP26. “I satelliti servono anche come supporto per il monitoraggio dei gas serra, stiamo lavorando come ESA alla nuova Sentinella 5-B, un satellite che guarda ai parametri dei gas serra. Il satellite si chiama CO2 e sarà una sentinella per vedere la CO2 di origine antropogenica,” ha spiegato Cheli.

Ci sono molti esempi di immagini di disastri, inondazioni, eruzioni vulcaniche, fuochi e incendi e con i satelliti si vedono molti parametri” di queste crisi sulla Terra, ha proseguito Cheli, che ha evidenziato come, tra l’altro, i satelliti abbiano osservato “in Canada anche il picco di temperatura arrivato a 65°C” e che ha “creato situazioni di crisi e disastro“.