Storico via libera al vaccino contro la malaria per proteggere i bambini africani

Dopo decenni di ricerca si è riusciti ad ottenere un efficace vaccino contro la malaria, che verrà innanzitutto iniettato ai bambini africani, i più a rischio

MeteoWeb

I bambini di gran parte dell’Africa devono essere vaccinati contro la malaria in un momento storico nella lotta contro la malattia mortali. La malaria è da millenni uno dei più grandi flagelli dell’umanità e uccide soprattutto neonati e bambini. Avere un vaccino – dopo più di un secolo di tentativi – è tra i più grandi successi della medicina.

Il vaccino – chiamato RTS,S – si è dimostrato efficace sei anni fa. Ora, dopo il successo dei programmi pilota di immunizzazione in Ghana, Kenya e Malawi, l’Organizzazione mondiale della sanità afferma che il vaccino dovrebbe essere distribuito nell’Africa subsahariana e in altre regioni con trasmissione della malaria da moderata a elevata.

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, ha affermato che si tratta di “un momento storico“. “Il tanto atteso vaccino contro la malaria per i bambini è una svolta per la scienza, la salute dei bambini e il controllo della malaria“, ha affermato. “Potrebbe salvare decine di migliaia di giovani vite ogni anno”.

Parassita mortale

La malaria è un parassita che invade e distrugge le nostre cellule del sangue per riprodursi e si diffonde attraverso la puntura di zanzare che fanno da vettore. I farmaci per uccidere il parassita, le zanzariere per prevenire le punture e gli insetticidi per uccidere la zanzara hanno contribuito a ridurre la malaria. Ma il peso maggiore della malattia si fa sentire in Africa, dove nel 2019 sono morti più di 260.000 bambini a causa della malattia. Ci vogliono anni per essere ripetutamente infettati per costruire l’immunità e anche questo riduce solo le possibilità di ammalarsi gravemente.

Il dottor Kwame Amponsa-Achiano ha sperimentato il vaccino in Ghana per valutare se la vaccinazione di massa fosse fattibile ed efficace. “È un momento piuttosto eccitante per noi, con la vaccinazione su larga scala credo che il bilancio della malaria sarà ridotto al minimo indispensabile“, ha detto. Contrarre costantemente la malaria da bambino ha ispirato il dottor Amponsa-Achiano a diventare un medico in Ghana. “Era angosciante, quasi ogni settimana non uscivi da scuola, la malaria ci ha messo a dura prova per molto tempo“, ha dichiarato in un’intervista a James Gallagher, della BBC News.

Salvare la vita dei bambini

Esistono più di 100 tipi di parassiti della malaria. Il vaccino RTS,S prende di mira quello che è più mortale e più comune in Africa: Plasmodium falciparum. Le prove, riportate nel 2015, hanno mostrato che il vaccino potrebbe prevenire circa quattro casi su 10 di malaria, tre casi gravi su 10 e portare a una riduzione di un terzo del numero di bambini che necessitano di trasfusioni di sangue. Tuttavia, c’erano dubbi sul fatto che il vaccino avrebbe funzionato nel mondo reale poiché richiede quattro dosi per essere efficace. I primi tre vengono somministrati a un mese di distanza a cinque, sei e sette mesi, ed è necessario un richiamo finale a circa 18 mesi.

I risultati dei progetti pilota sono stati discussi mercoledì da due gruppi consultivi di esperti presso l’OMS. I risultati, da oltre 2,3 milioni di dosi, hanno mostrato che:

  • il vaccino era sicuro e portava comunque a una riduzione del 30% della malaria grave;
  • ha raggiunto più di due terzi dei bambini che non hanno una rete sotto la quale dormire;
  • non vi è stato alcun impatto negativo su altri vaccini di routine o altre misure per prevenire la malaria;
  • il vaccino era conveniente.

Dal punto di vista scientifico, questo è un enorme passo avanti, dal punto di vista della salute pubblica è un’impresa storica“, ha affermato il dottor Pedro Alonso, direttore del Programma globale contro la malaria dell’OMS. “Stiamo cercando un vaccino contro la malaria da oltre 100 anni, salverà vite e preverrà le malattie nei bambini africani”.

Perché la malaria è così difficile da battere?

Avendo appena visto il mondo sviluppare vaccini Covid in tempo record, ci si può chiedere perché ci sia voluto così tanto tempo con la malaria.

La malaria è causata da un parassita molto più insidioso e sofisticato del virus che causa il Covid. Confrontarli è come confrontare una persona e un cavolo. Il parassita della malaria si è evoluto per eludere il nostro sistema immunitario. Ecco perché devi prendere la malaria più e più volte prima di iniziare a ottenere una protezione anche limitata. Ha un ciclo di vita complicato attraverso due specie (uomo e zanzara) e anche all’interno del nostro corpo si trasforma in forme diverse mentre infetta le cellule del fegato e i globuli rossi.

Sviluppare un vaccino contro la malaria è come inchiodare la gelatina a un muro e RTS,S è in grado di colpire solo la forma sporozoita del parassita (questo è lo stadio tra l’essere morso da una zanzara e il parassita che arriva al fegato). Ecco perché il vaccino è efficace “solo” al 40%. Tuttavia, questo è ancora un notevole successo e apre la strada allo sviluppo di vaccini ancora più potenti. Il vaccino, sviluppato dal gigante farmaceutico GSK, non sostituirà tutte le altre misure per il controllo della malaria come le zanzariere trattate con insetticida. Sarà utilizzato insieme a loro per avvicinarsi all’obiettivo di zero morti per malaria. E non sarà utilizzato al di fuori dell’Africa, dove sono più diffuse diverse forme di malaria, contro le quali il vaccino non può proteggere.

La dottoressa Ashley Birkett, dell’iniziativa per il vaccino contro la malaria Path, ha affermato che il lancio del vaccino è stato un “evento storico” che “toglierà la paura” dalle famiglie. Birkett ha spiegato: “Immagina che tuo figlio un giorno possa essere sano e pieno di potenzialità e poi dopo la puntura di una zanzara infetta, mentre gioca con gli amici o dorme in un letto, potrebbe essere morto in un paio di settimane. La malaria è un problema enorme, spaventoso“.