Studio boccia il lockdown: “uno dei più grandi disastri politici in tempi di pace di tutti i tempi, è inefficiente e ha un effetto marginale sui decessi”

Studio sui costi-benefici del lockdown: "sono una politica inefficiente, devono essere classificati come uno dei più grandi disastri politici in tempi di pace di tutti i tempi”

MeteoWeb

A marzo 2020, i Paesi del mondo, inclusi USA, Canada e Regno Unito, hanno utilizzato varie forme di lockdown che si sono trascinati per oltre un anno in molte giurisdizioni e che mostrano segni di ritorno nell’autunno 2021 sotto la minaccia di nuove varianti del Covid-19. Questa risposta alla pandemia ha dominato non solo le vite quotidiane della gente comune, ma anche la realtà economica all’interno della quale la maggior parte delle imprese è stata costretta ad operare. I lockdown e le reazioni ad essi hanno avuto conseguenze per le domande dei consumatori, le catene di approvvigionamento, il profitto e la ridistribuzione della ricchezza. Il cittadino medio e l’uomo d’affari hanno dovuto fidarsi del fatto che uno strumento politico così distruttivo e brusco fosse giustificato davanti ad una nuova pandemia virale”. Inizia così uno studio, pubblicato su International Journal of the Economics of Business e condotto analizzando oltre 100 studi sul Covid-19. L’obiettivo dello studio era valutare l’efficacia e il rapporto costi-benefici dei lockdown, che a partire dall’inizio del 2020 hanno sconvolto il modo di vivere di miliardi di persone nel mondo.

Dopo oltre un anno di raccolta di dati aggregati, è emerso un puzzle. I lockdown sono stati introdotti con l’affermazione che fossero efficaci e l’unico mezzo con cui affrontare la pandemia. Tuttavia, in molte diverse giurisdizioni, questa relazione non regge quando si esaminano i dati grezzi. Un’analisi casuale dell’intensità dei lockdown e del numero di decessi cumulativi attribuiti al Covid-19 nelle giurisdizioni non mostra una relazione ovvia. Infatti, spesso le località meno serrate hanno avuto risultati uguali o migliori. Per esempio, utilizzando l’indice di rigorosità (SI) di OurWolrInData come una misura dei lockdown, Pakistan (SI 50), Finlandia (SI 52) e Bulgaria (SI 50) hanno avuto gradi simili di lockdown ma i decessi cumulativi per ogni milioni di abitanti sono stati 61, 141 e 1023. Perù (SI 83) e Regno Unito (SI 78) hanno avuto tra i lockdown più stringenti, ma hanno anche sperimentato tra i più alti decessi cumulativi per milioni di abitanti: 1475 e 1868”, si legge nello studio.

“Utilizzando le informazioni di OurWorldInData, i decessi cumulativi ogni milione di abitanti al 28 marzo 2021 in Nord America erano 1351 e in Europa 1368. La Svezia ha avuto restrizioni leggere ma i decessi cumulativi erano 1327, mentre il Regno Unito ha avuto pesanti lockdown e 1868 decessi cumulativi ogni milione di abitanti. Questo è in netto contrasto con le terribili previsioni fatte sulla Svezia nei primi 6 mesi della pandemia. Risultati simili emergono quando si confrontano i vari stati americani. Florida e California sono state spesso messe a confronto perché sono simili in termini di dimensioni e latitudine, ma hanno avuto diverse politiche di lockdown. La Florida ha chiuso in primavera ma poi ha iniziato a rimuovere le restrizioni; il 25 settembre 2020 sono state sollevate tutte le restrizioni. La California ha avuto vari mandati nel 2020, ma ad inizio dicembre ha emesso un ordine di stare a casa che è rimasto in vigore fino al 25 gennaio 2021. Tuttavia, i decessi cumulativi ogni milione di abitanti sono praticamente indistinguibili: 152 per la Florida e 143 per la California”, continua lo studio.

“È facile trovare controesempi quando si utilizzano conteggi incondizionati sui decessi nelle diverse giurisdizioni. Cioè, si possono trovare casi in cui gli stati con i lockdown hanno avuto meno decessi per milione rispetto ad alcuni stati non lockdown (per esempio, Irlanda e Germania hanno avuto alti indici di rigorosità e decessi per milione sotto la media). Tuttavia, rimane il caso che il lockdown non è associato ad un minore numero di decessi per milione, ma (probabilmente) di più. Il successo preconcetto dei lockdown è stato guidato da modelli teorici che erano basati su ipotesi che erano irrealistiche e spesso false. La mancanza di qualsiasi effetto chiaro e ampio dei lockdown è perché non ce n’è uno da trovare”, si legge nello studio.

“La presa in considerazione di qualsiasi politica deve considerare tutti i costi e tutti i benefici di quella politica. Tutte le stime dei costi e dei benefici dipendono da varie assunzioni di parametri e forme di modelli strutturali e molti degli studi esaminati (soprattutto i primi) si basavano su assunzioni che erano false e che tendevano a sovrastimare i benefici e a sottostimare i costi dei lockdown. Di conseguenza, la maggior parte dei primi studi sui costi-benefici sono arrivati a conclusioni che sono state confutate successivamente dai dati e che hanno reso scorretti i loro risultati sui costi-benefici. I progressi nei modelli e nei dati nell’ultimo anno hanno dimostrato che i lockdown hanno avuto, al massimo, un effetto marginale sul numero di decessi da Covid-19. In linea generale, l’inefficacia dei lockdown deriva dai cambiamenti volontari nel comportamento. Le giurisdizioni che hanno applicato il lockdown non sono riuscite a impedire l’inosservanza e le giurisdizioni non lockdown hanno beneficiato dei cambiamenti volontari nel comportamento che imitavano i lockdown”, riporta lo studio.

“Utilizzando un metodo costi-benefici proposto dal Professor Bryan Caplan, il rapporto costi-benefici più ragionevole dei lockdown in termini di anni di vita salvati in Canada è 141. Tuttavia, considerata la limitata efficacia, i lockdown continuano a fallire sotto stime di costi estremamente conservative. Inoltre, se l’autunno 2021 produce molti casi determinati dalla variante Delta più trasmissibile tra un numero sempre più ridotto di persone non vaccinate, allora gli attesi benefici delle politiche di lockdown diventano ancora più piccoli. I lockdown non sono solo una politica inefficiente, devono essere classificati come uno dei più grandi disastri politici in tempi di pace di tutti i tempi, conclude lo studio.