Sensazionale scoperta al di fuori dalla Via Lattea: trovato un esopianeta in un’altra galassia, è la prima volta nella storia

L'oggetto appena rilevato si trova a 28 milioni di anni luce di distanza nella Galassia Vortice M51

MeteoWeb

Per la prima volta nella storia, gli scienziati potrebbero aver appena scoperto un pianeta in un’altra galassia.
Il potenziale esopianeta, chiamato M51-ULS-1b, si trova a 28 milioni di anni luce di distanza nella galassia a spirale Messier 51 (M51), nota anche come Galassia Vortice. Questa scoperta potrebbe essere solo la punta dell’iceberg: potrebbe rivelare molti altri esopianeti al di fuori della Via Lattea.

Stiamo cercando di aprire un ambito completamente nuovo per trovare altri mondi,” ha affermato Rosanne Di Stefano, astrofisica dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics che ha guidato lo studio che ha scovato questo oggetto.

La caccia fuori dalla Via Lattea

Per questo studio, gli astronomi hanno utilizzato l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA e il telescopio spaziale XMM-Newton dell’Agenzia Spaziale Europea, per osservare 3 galassie oltre la Via Lattea. In totale, hanno esaminato 55 diversi sistemi in M-51, la Galassia Volrtice, 64 sistemi in Messier 101 (M-101) la Galassia Girandola e 119 sistemi in Messier 104, la Galassia Sombrero.

m51
Credir: NASA/CXC/M. Weiss

Il team ha individuato l’oggetto in M-51 utilizzando i transiti, che si verificano quando un oggetto transita o passa davanti a una stella: quando lo fa, blocca parte della luce della stella e crea un breve oscuramento. In precedenza, gli scienziati hanno utilizzato questo metodo per scoprire migliaia di esopianeti, cioè pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare (ma ancora nella nostra galassia).

Il primo esopianeta è stato scoperto nel 1992 e, da allora, la maggior parte degli esopianeti trovati si trova a meno di 3000 anni luce dalla Terra. M51-ULS-1b, in orbita a 28 milioni di anni luce di distanza, sarebbe il primo esopianeta mai trovato in un’altra galassia.

Per individuare il pianeta, il team guidato da Di Stefano ha utilizzato Chandra per cercare cali di luminosità dei raggi X. Poiché i raggi X sono prodotti da piccole aree sulle stelle, i pianeti che passano davanti a quelle stelle potrebbero effettivamente bloccare completamente quelle emissioni di raggi X. Quindi, invece di un sottile oscuramento della luce ottica, i ricercatori potrebbero vedere un transito più evidente, che potrebbe rendere più facile scovare oggetti più lontani, hanno spiegato gli scienziati.
Stiamo cercando di aprire un campo completamente nuovo per trovare altri mondi, cercando candidati pianeti alle lunghezze d’onda dei raggi X, una strategia che rende possibile scoprirli in altre galassie,” ha affermato Di Stefano.

I ricercatori hanno rilevato il possibile esopianeta nella Galassia Vortice in un sistema binario, in orbita attorno a due grandi oggetti: una stella di neutroni o un buco nero che orbita attorno a una massiccia stella compagna.
Il transito a cui hanno assistito è durato un totale di circa tre ore e le emissioni di raggi X sono scese completamente a zero: ciò li ha aiutati a capire che l’oggetto è probabilmente approssimativamente delle dimensioni di Saturno e orbita intorno alla stella di neutroni (o un buco nero) a una distanza doppia rispetto alla distanza di Saturno dal nostro Sole.

Scoperta in attesa di conferma

Questo studio potrebbe essere il primo a confermare un pianeta in un’altra galassia e potenzialmente aprire una nuova era di rilevamento e studio dei pianeti.
In questo momento, però, queste osservazioni non confermano che l’oggetto osservato usando Chandra in questa indagine sia un pianeta. È necessario raccogliere più dati per confermare questa affermazione, hanno precisato i ricercatori.
Tuttavia, l’oggetto non transiterà più davanti alla sua stella per 70 anni, quindi ci vorrà molto tempo prima che gli scienziati siano in grado di fare di nuovo questa osservazione.

m51 localizzazione
Credit: NASA/CXC/M. Weiss

Sfortunatamente per confermare che stiamo vedendo un pianeta dovremo probabilmente aspettare decenni per vedere un altro transito,” ha aggiunto la coautrice Nia Imara, ricercatrice dell’Università della California. “Inoltre, a causa delle incertezze su quanto tempo necessita per orbitare, non sapremmo esattamente quando guardare“.

È possibile, ma altamente improbabile – hanno evidenziato i ricercatori – che l’oscuramento potrebbe essere causato da qualcosa come una nube che passa davanti alla stella. Tuttavia, il team ha precisato che si aspetta che altri scienziati esaminino i dati che hanno raccolto e ciò che hanno scoperto. Ciò potrebbe aiutare a verificare ciò che hanno rilevato e fare avanzare questa ricerca, nonostante i decenni che mancano al prossimo transito.

Sappiamo che stiamo facendo un’affermazione entusiasmante e audace, quindi ci aspettiamo che altri astronomi la esamineranno con molta attenzione,” ha aggiunto la co-autrice Julia Berndtsson, ricercatrice presso la Princeton University nel New Jersey. “Pensiamo di avere un argomento valido, e questo processo è il modo in cui funziona la scienza“.

Lo studio è stato descritto su Nature Astronomy.