La guerra fredda dei vaccini: “Una spia russa ha rubato la formula di AstraZeneca per creare lo Sputnik”

Il vaccino russo Sputnik sarebbe la copia del siero Oxford/AstraZeneca, la cui formula sarebbe stata rubata da una spia

MeteoWeb

Sembra la trama di un film d’azione anni ’90, ma a quanto pare non è altro che la verità. Il vaccino russo altro non è, dunque, che la copia del siero Oxford/AstraZeneca, la cui formula sarebbe stata rubata da una spia. E rivelarlo è stato il tabloid britannico The Sun, spiegando che i servizi di sicurezza hanno le prove del fatto che una delle spie di Vladimir Putin abbia trafugato dati vitali all’azienda farmaceutica, inclusi quelli del vaccino contro il Covid-19.

L’operazione non sarebbe avvenuta solo tramite l’hackeraggio dei sistemi, ma con un agente in persona che si è infiltrato nei laboratori, come si legge sul tabloid. Il vaccino russo Sputnik, effettivamente, utilizza una tecnologia simile a quella del siero progettato da Oxford. Al momento Downing Street non ha confermato o commentato la notizia.