Cop26 e Clima, l’esperta: “Era l’ultima possibilità di proteggere il mondo, ma è fallita”

Dopo la pubblicazione dell'accordo finale della COP26, Molly Scott Cato, ex eurodeputata dei Verdi e docente di economia all'Università di Roehampton, ha dichiarato che l'evento è fallito in quella che la storia vedrà come la nostra ultima possibilità di proteggere il mondo dal disastroso surriscaldamento

MeteoWeb

Lo scopo fondamentale della COP26 era garantire che il nostro clima non si surriscaldasse di più di 1,5 gradi: in questo modo ha fallito in modo disastroso. E’ quanto dichiarato da Molly Scott Cato, ex eurodeputata dei Verdi e docente di economia all’Università di Roehampton.

Le nazioni sanno che devono ridurre le emissioni più in profondità e più velocemente. Eppure, nonostante un limitato aumento delle ambizioni, la maggior parte dei paesi non è riuscita a rafforzare le promesse fatte a Parigi nel 2015, leader del rispettato Carbon Action Tracker, di mettere il mondo sulla buona strada per un disastroso riscaldamento di 2,4 gradi – ha precisato la docente –. Mentre la differenza tra 1,5 e 2,4 potrebbe non sembrare molto, è la differenza tra un clima vivibile e uno in cui migliaia di persone muoiono per shock termico in Europa e milioni devono affrontare la fame in Africa a causa della siccità. È la differenza tra la perdita di tutti i coralli del mondo e l’avere qualche possibilità di salvarli. È la differenza tra le Maldive o le Isole Marshall che esistono o semplicemente scompaiono sotto l’innalzamento dei mari.

“L’assenza di leader dalla Russia e dalla Cina, due dei più grandi emettitori di carbonio del mondo, e l’intervento dell’ultimo minuto di India e Cina per annacquare il linguaggio sul carbone, sono stati fondamentali per le carenze dell’evento. Questo è un fallimento diplomatico degli ultimi decenni durante i quali le manovre geopolitiche e l’interesse personale hanno dominato spudoratamente la crisi climatica – sottolinea Molly Scott Cato –. I paesi che hanno sottoscritto l’accordo non possono sottrarsi alla colpa, con la maggioranza che antepone l’interesse personale al progetto comune di salvare il clima. La necessità di rimuovere i combustibili fossili dalla nostra economia globale è stata sostenuta da molti dei paesi più potenti che proteggono i loro interessi sui combustibili fossili, inclusi Regno Unito e Stati Uniti. La presidenza del Regno Unito ha perso l’attenzione sulla diplomazia globale al centro della COP con il suo desiderio di promuovere attività di finanza sostenibile per la City”

“Nel frattempo, l’incapacità delle nazioni ricche responsabili delle emissioni storiche di mettere soldi sul tavolo per riparare perdite e danni ha reso impossibile per Alok Sharma, nonostante i suoi migliori sforzi, mantenere un’unità di intenti. Anche se questo è un quadro cupo, ci sono alcuni singoli raggi di luce, con accordi su metano e foreste che contribuiscono a ridurre il carico sull’atmosfera. E l’accettazione della necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili da parte dei paesi responsabili della stragrande maggioranza dell’attività economica mondiale non può che essere accolta con favore. Eppure in realtà la COP26 è stata un fallimento politico e diplomatico. La storia giudicherà Glasgow come l’ultima opportunità per proteggere la civiltà dalle devastazioni di un clima surriscaldato e, un altro anno di ritardo fino alla COP27 in Egitto, significa che l’occasione è stata persa”, conclude la professoressa.