Eruzione alle Canarie: decine di terremoti nelle ultime ore, nuovo flusso di lava tra le montagne di Todoque e La Laguna [FOTO]

Eruzione La Palma: in 59 giorni il vulcano ha emesso tanta anidride solforosa quanto i 28 Paesi dell'UE nel 2019

  • eruzione la palma cumbre vieja
  • eruzione la palma cumbre vieja
  • eruzione la palma cumbre vieja
  • eruzione la palma cumbre vieja
  • eruzione la palma cumbre vieja
/
MeteoWeb

L’Instituto Geográfico Nacional (IGN) ha localizzato 68 lievi terremoti a La Palma durante le prime ore di oggi, di cui uno magnitudo 4.4, con epicentro a Fuencaliente. Ieri nelle Isole Canarie sono stati registrati 300 terremoti, il massimo nei 2 mesi dell’eruzione, dopo 2 settimane in cui il numero di eventi era inferiore a 100 al giorno.
L’eruzione del vulcano Cumbre Vieja ha creato un nuovo flusso di lava che scorre tra le montagne di Todoque e quella di La Laguna, avanzando a una velocità di 70 m/h, secondo l’Istituto Vulcanologico delle Isole Canarie (Involcan). L’area interessata dalla lava, hanno riferito i responsabili del Piano di emergenza vulcanica delle Isole Canarie (Pevolca), ammonta a 1.037 ettari.

eruzione la palma cumbre vieja

Il vulcano sull’isola di La Palma inoltre, ha rilasciato nell’atmosfera in due mesi di attività tanta anidride solforosa (SO2) quanta quella emessa dall’attività umana nei 28 Paesi dell’Unione Europea nel corso del 2019: è il calcolo effettuato da due delle istituzioni scientifiche che monitorano i gas emessi nell’atmosfera, l’Istituto Vulcanologico delle Isole Canarie e l’Università di Manchester (Regno Unito), con particolare attenzione alla SO2. Se si confronta l’emissione con lo stesso periodo di tempo, 59 giorni, le quantità di anidride solforosa rilasciate dal vulcano Cumbre Vieja sono 7 volte quelle emesse dall’intera Unione Europea in due mesi, riporta El País.

L’anidride solforosa è un gas che può provocare irritazioni agli occhi, alle mucose e alla pelle, anche se non è frequente che raggiunga concentrazioni sufficienti per essere pericoloso.
Le autorità locali monitorano i livelli di emissione di questo gas costantemente per valutare eventuali problemi per la popolazione.

A quasi due mesi dall’inizio dell’eruzione (19 Settembre), sono sempre più incerte le previsioni su quando terminerà questo fenomeno.