L’Estate di San Martino non solo è confermata, ma durerà più di “3 giorni e un pochinino”: tra meteo e tradizione, i detti e proverbi più famosi

"L’Estate di San Martino dura tre giorni e un pochinino" recita un proverbio popolare a sfondo religioso ma anche laico, diffusosi in molte zone d’Italia

MeteoWeb

Confermata “l’estate di San Martino“, il periodo autunnale che tradizionalmente cade a cavallo dell’11 novembre, in cui, dopo il primo freddo, si verificano, spesso, condizioni climatiche di bel tempo e relativo tepore. Le condizioni meteo sull’Italia sono influenzate dal Ciclone Mediterraneo Blas, il cui centro si trova nell’area delle Baleari: a subirne gli effetti maggiori, in termini di instabilità saranno però solo le Isole maggiori con forti piogge e temporali in Sardegna e Sicilia.
Proprio a causa del Ciclone Blas, che attiva correnti di scirocco provenienti dal Nord Africa, le temperature sono molto miti per il periodo in tutto il Paese e soprattutto al Centro/Sud, dove la colonnina di mercurio supera i +22/+23°C in modo diffuso già da 4 giorni e rimarrà così in alto almeno per tutta la settimana. La città più calda in assoluto è Reggio Calabria, che Domenica ha raggiunto +28°C, Lunedì +25°C, ieri +26°C e stamani è già a +24°C. Fa molto caldo anche nelle Regioni tirreniche, con Roma e Napoli che domenica hanno battuto il loro record storico di caldo mensile per Novembre raggiungendo i +27°C, e Latina che ieri ha raggiunto una massima di +23°C e stamani è già a +24°C. Molto caldo anche a Roma e Civitavecchia, entrambe a +23°C in questo momento.

Cos’è l’Estate di San Martino?

Ci siamo ormai addentrati nel mese di Novembre, 11° mese dell’anno secondo il calendario gregoriano e il 3° e ultimo mese dell’autunno nell’emisfero boreale.
Tra le feste/ricorrenze di questo mese ricordiamo: la festa dei nonni e ricordo degli Angeli Custodi (entrambe cadono il 2 ottobre); Oktoberfest (festa della birra); Halloween, Ognissanti e Commemorazione dei defunti (dal 31 ottobre al 2 novembre); notte dei falò (5 novembre) in ricordo della congiura delle polveri, la famosa Estate di San Martino (11 novembre); il giorno del Ringraziamento.

L’Estate di San Martino dura tre giorni e un pochinino” recita un proverbio popolare a sfondo religioso ma anche laico, diffusosi in molte zone d’Italia.
Per “Estate di San Martino” si intende un eventuale periodo autunnale in cui, dopo il primo freddo, si verificano, spesso, condizioni climatiche di bel tempo e relativo tepore.
Il nome troverebbe le sue origini nella tradizione del mantello, secondo la quale Martino di Tours, nel vedere un mendicante seminudo patire il freddo durante un acquazzone, gli donò metà mantello, regalando l’altra parte ad un altro mendicante incontrato poco dopo. Subito in cielo spuntò il sole e la temperatura divenne più mite.

Quasi ogni anno, il giorno di San Martino è una bella giornata di sole ma ciò per ragioni meteo-climatiche più che per credenze popolari. Molti esperti concordano sul fatto che la particolare fase di tempo stabile è quasi sempre esistita: analisi effettuate su mappe bariche dell’ultimo trentennio hanno mostrato che, in questo periodo, sembra avvenire ciclicamente l’espansione dell’anticiclone dalla Spagna verso tutto il Mediterraneo, portando condizioni di alta pressione, alte temperature e bel tempo, proteggendo dalle perturbazioni la maggior parte dell’Europa centrale e occidentale.

Chi è San Martino di Tours?

San Martino di Tours, ricordato l’11 novembre, è il protettore di albergatori, cavalieri, fabbricanti di maioliche, fanti, forestieri, mendicanti, militari, oche, osti, sarti, sinistrati, vendemmiatori e viticoltori.
Tanti i proverbi a lui dedicati.
In Italia, in Abruzzo, si dice: “Ce sta lu Sante Martino” quando in una casa non mancano le provviste; mentre in Romagna: “Per Sa Marten vi s’imbariega grend e znèn” (Per San Martino si ubriaca il grande e il piccino”. “Per San Martino si spilla il botticino”; “Per San Martino cadono le foglie e si spilla il vino”; ”Per San Martino ogni mosto diventa vino”.

Tra i proverbi legati al meteo: “Se il dì di San Martino il sole va in bisacca, vendi il pane e tieniti la vacca. Se il sole va invece giù sereno, vendi la vacca perché è poco il fieno” che, tradotto, significa: “Se all’ora del tramonto dell’11 novembre ci sono le nuvole che coprono il sole, si può sperare in un buon raccolto di fieno e di grano e ci sarà il pane da vendere e una vacca grassa, ma se tramonta in un bel cielo sereno, non ci sarà abbastanza fieno per gli animali e sarebbe meglio venderli” Si diceva che, chi seminava dopo questa data, avrebbe avuto un raccolto misero: “Per San Martino la sementa del poverino”. Chi desiderava avere una vendemmia fruttuosa, doveva sbrigarsi anche a potare e a preparare il terreno attorno alla vite. Un noto proverbio, infatti, dice: “Chi vuol far buon vino, zappi e poti nei giorni di San Martino”.
Questo è il momento ideale anche per altre coltivazioni, ad esempio per le fave e per il lino, almeno nelle zone più calde, come la Sicilia, dove si dice infatti che: “A San Martinu, favi e linu”.
In Italia, fino al secolo scorso, l’11 novembre cominciavano le attività dei tribunali, delle scuole, si tenevano elezioni e, in alcune zone, scadevano i contratti agricoli e e di affitto. Tuttora in molte zone si dice “far San Martino” all’atto di traslocare e sgomberare.

Per approfondire:

I meteo proverbi per il mese di novembre