La NASA annuncia la scoperta di 301 nuovi esopianeti

Scoperti 301 nuovi esopianeti: "ci aiutano a comprendere meglio i pianeti e i sistemi solari al di là del nostro, e ciò che rende il nostro così unico"

MeteoWeb

Gli scienziati della NASA hanno scoperto altri 301 esopianeti, ossia pianeti al di fuori del sistema solare. Le nuove scoperte portano il totale degli esopianeti convalidati a 4.569 dalla scoperta dei primi a metà degli anni ’90.

La NASA ha dichiarato che le scoperte possono essere attribuite a una nuova rete chiamata ExoMiner, che sfrutta il supercomputer della NASA, Pleiades, e può distinguere i veri esopianeti da diversi tipi di impostori, o “falsi positivi”. Le reti neurali profonde sono metodi di apprendimento automatico che apprendono automaticamente un’attività quando vengono forniti dati sufficienti.

ExoMiner aiuta i professionisti ad esaminare i dati e decifrare quello che è un pianeta e quello che non lo è. Nello specifico, studiano i dati raccolti dalla navicella spaziale Kepler della NASA e da K2, la sua missione successiva. Per missioni come Kepler, con migliaia di stelle nel suo campo visivo, ognuna con la possibilità di ospitare più potenziali esopianeti, esaminare enormi set di dati è un compito estremamente dispendioso in termini di tempo. ExoMiner risolve questo dilemma. “A differenza di altri programmi di apprendimento automatico che rilevano gli esopianeti, ExoMiner non è una scatola nera: non c’è alcun mistero sul motivo per cui decide che qualcosa è un pianeta o no“, ha affermato Jon Jenkins, scienziato di esopianeti presso l’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley in California. “Possiamo facilmente spiegare quali caratteristiche nei dati portano ExoMiner a rifiutare o confermare un pianeta”.

Qual è la differenza tra un esopianeta confermato e convalidato? Un pianeta è “confermato”, quando diverse tecniche di osservazione rivelano caratteristiche che possono essere spiegate solo da un pianeta. Un pianeta viene “convalidato” utilizzando le statistiche, ovvero quanto è probabile o improbabile che sia un pianeta in base ai dati.

Si ritiene che nessuno dei pianeti appena confermati sia simile alla Terra o nella zona abitabile delle loro stelle madri. Ma condividono caratteristiche simili alla popolazione complessiva di esopianeti confermati nel nostro quartiere galattico. “Queste 301 scoperte ci aiutano a comprendere meglio i pianeti e i sistemi solari al di là del nostro, e ciò che rende il nostro così unico“, ha affermato Jenkins.

Mentre la ricerca di altri pianeti extrasolari continua – con missioni che utilizzano la fotometria di transito come il Transiting Exoplanet Survey Satellite, o TESS, della NASA, e l’imminente missione PLAnetary Transits and Oscillations of Stars, o PLATO, dell’Agenzia Spaziale Europea – ExoMiner avrà più opportunità di dimostrare che è all’altezza del compito. “Ora che abbiamo addestrato ExoMiner utilizzando i dati di Kepler, con una piccola messa a punto, possiamo trasferire quell’apprendimento ad altre missioni, incluso TESS, su cui stiamo attualmente lavorando. C’è spazio per crescere”, ha affermato Hamed Valizadegan, capo progetto ExoMiner e responsabile dell’apprendimento automatico presso Universities Space Research Association at Ames.

L’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley in California ha gestito le missioni Kepler e K2 per il Science Mission Directorate della NASA. Il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, ha gestito lo sviluppo della missione Kepler. La Ball Aerospace & Technologies Corporation di Boulder, in Colorado, ha gestito il sistema di volo con il supporto del Laboratorio di fisica atmosferica e spaziale dell’Università del Colorado a Boulder.