Addio a Betty White, la ragazza d’oro dal cuore d’oro

Betty White è morta venerdì scorso, qualche settimana prima del suo centesimo compleanno

MeteoWeb

Betty White era la ragazza d’oro dal cuore d’oro della televisione americana, celebrata per le sue capacità di recitazione comica dai primi giorni della TV fino al 21° secolo, pur rimanendo impegnata nel suo attivismo animale. “Devo continuare a recitare in modo da potermi permettere di continuare a fare il mio lavoro di beneficenza!” ha scherzato con The Hollywood Reporter nel 2018. Nata in Illinois nel 1922, White è diventata una delle star originali del cinema americano, godendo di una carriera che ha abbracciato otto decenni e le è valsa numerosi riconoscimenti.

Da figlia unica, si trasferì con la sua famiglia a Los Angeles al culmine della Grande Depressione e alla fine degli anni ’30 iniziò a lavorare come attrice e modella. La sua carriera alle prime armi dovette essere sospesa, però, durante la seconda guerra mondiale, quando andò a lavorare con i servizi volontari delle donne americane. Dopo la guerra, White ha continuato con le sue ambizioni nel mondo dello spettacolo con alterne fortune, prima di approdare al suo programma radiofonico e poi apparire nel talk show di varietà Hollywood on Television di Al Jarvis.

È morta venerdì scorso, qualche settimana prima del suo centesimo compleanno.

Foto Ansa

Chiaramente un talento in crescita, ha preso le redini della serie televisiva nei primi anni ’50, e successivamente è stata nominata per il suo primo Emmy Award come migliore attrice televisiva nel 1951. È stata la prima categoria in assoluto dei nuovi premi a riconoscere i risultati delle donne sulla scatola. Poi è arrivata la sitcom televisiva Life with Elizabeth, uno spettacolo che ha lanciato lei stessa, insieme a George Tibbles. “Lui ha scritto e io ho prodotto”, ha spiegato. “Sono stata una delle prime donne produttrici di Hollywood”.

La White ha mantenuto il suo profilo alto con molte apparizioni in chat show e ha incontrato il suo terzo marito (e “l’amore della mia vita”) Allen Ludden nel game show Password nel 1961. La coppia è stata sposata dal 1963 fino alla morte di Ludden nel 1981. Il ruolo più importante dell’attrice è stato quello di Sue Ann Nivens al Mary Tyler Moore Show negli anni ’70. Il suo personaggio arguto, che aveva un occhio per gli uomini, ha lavorato a fianco della star titolare della sitcom in una fittizia redazione televisiva di Minneapolis. Il lavoro ha fatto vincere alla White altri due Emmy Awards e l’ha preparata per quello che sarebbe diventato il suo ruolo più famoso, come l’ingenua ma adorabile Rose Nylund in The Golden Girls, che l’ha portata attraverso gli anni ’80 e ’90.

Nylund era una norvegese-americana che si trasferì a Miami dopo la morte di suo marito e in seguito formò un legame di vita con altre tre donne, interpretate da Beatrice Arthur, Rue McClanahan ed Estelle Getty. Nel 1986, ha vinto l’Emmy per la commedia eccezionale e White ha vinto il premio individuale per la migliore attrice comica. Dopo che The Golden Girls è andato in onda nel 1992, White – che all’epoca era anche autore pubblicato – è apparso nello spin-off di breve durata Golden Palace.

Ha anche avuto un ruolo ricorrente nella soap opera The Bold and the Beautiful dal 2006 al 2009 e ha ospitato diversi altri spettacoli di intrattenimento, tra cui lo spettacolo di scherzi Betty White’s Off Their Rockers.

Ma la sua carriera ha ripreso vigore nel 2010, quando ha recitato in un’altra sitcom, Hot in Cleveland, al fianco di Valerie Bertinelli, Jane Leeves e Wendie Malick. Lo stesso anno, la veterana è diventata anche la più anziana conduttrice di Saturday Night Live, a seguito di una campagna su Facebook per portarla nello spettacolo in prima serata. Il suo novantesimo compleanno nel 2012 è stato segnato da uno speciale televisivo all-star con il suo vecchio co-protagonista Tyler Moore, Ellen DeGeneres e Carl Reiner, così come Tina Fey e Ed Asner. Continuando a girare film nei suoi 90 anni, White si è unita a un cast stellare in Toy Story 4 del 2019, dando la voce a un giocattolo per la dentizione della tigre di nome Bitey White. Gli animali (quelli veri, non i giocattoli) sono sempre stati una passione e ha lavorato a stretto contatto con lo zoo di Los Angeles e la Morris Animal Foundation per più di quattro decenni. “In realtà sono la vecchia donna più fortunata del mondo“, ha detto. “Metà della mia vita è lavorare in una professione che amo e l’altra metà è lavorare con gli animali“.

Nel 2015, è stata insignita di un Emmy Award alla carriera, il suo ottavo Emmy in totale. “È una delle interpreti femminili più amate nella storia della televisione“, ha affermato Bob Mauro della National Academy of Television Arts and Sciences, che ha descritto la White come una “istituzione americana“. “La carriera di Betty come pioniera femminile ha seguito la televisione letteralmente dall’inizio del mezzo, vincendo il suo primo Emmy Award nel 1952, al futuro dello streaming digitale, vincendo di nuovo nel 2010“. Il vicepresidente dell’Emmy David Michaels ha proseguito affermando che White era “anche una delle donne più simpatiche nel mondo dello spettacolo”.

Foto Ansa