Archeologia: in Cina trovati resti di alcool risalenti a 8.000 anni fa

Peiligang è una delle prime rovine di un villaggio in Cina, risalente a circa 8.000 anni fa: trovate le prime tracce di alcool

MeteoWeb

Una equipe di archeologi ha riferito di aver trovato le prime prove di cinesi che usavano il monasco, una tipologia di fungo, per produrre alcool. I resti della sostanza sono stati rinvenuti in vasi di terracotta di 8.000 anni portati alla luce nella Cina centrale.

Una grande quantità di monascus hypha e cleistothecia, insieme a chicchi di amido fermentato di riso, sono stati rilevati nei resti di due vasi di argilla trovati nel sito culturale di Peiligang nella provincia di Henan, ha riferito Li Yongqiang, un assistente ricercatore dell’Istituto di Archeologia sotto il governo cinese Accademia delle Scienze Sociali. La scoperta indica che un tempo le pentole erano usate per la preparazione e la conservazione dell’alcol, ha detto Li.

Peiligang è una delle prime rovine di un villaggio in Cina, risalente a circa 8.000 anni fa. Fornisce importanti testimonianze per gli studi sull’origine e lo sviluppo dell’agricoltura, della lavorazione della ceramica, dell’industria tessile e delle tecniche di produzione dell’alcol nell’antichità.