Cosa succede al corpo se mangiamo cioccolato tutti i giorni

Consumare cioccolato tutti i giorni comporta benefici per il nostro organismo che si riflettono anche sull'umore

MeteoWeb

Una nuova ricerca di un team della Seoul National University, del Korea Food Research Institute e della Chungnam National University suggerisce che il cioccolato fondente abbia effetti prebiotici, ristrutturando la diversità e la composizione del microbioma intestinale, che a sua volta potrebbe migliorare l’umore attraverso l’asse intestino-cervello.

I disturbi dell’umore sono una delle principali cause di disabilità in tutto il mondo,” hanno affermato Ji-Hee Shin, ricercatore presso il Department of Food and Nutrition della Seoul National University e presso il Research Group of Healthcare presso il Korea Food Research Institute, e i suoi colleghi. “I disturbi dell’umore di una persona influiscono sul suo benessere e sulla capacità di partecipare alle interazioni sociali, portando a problemi di salute fisica come le malattie croniche“.
I sintomi dei disturbi dell’umore includono sentimenti continui di tristezza, vulnerabilità, disperazione e irritabilità. Questi disturbi sono principalmente trattati con farmaci che manipolano il sistema di neurotrasmettitori monoaminergici nel cervello“.

Il ruolo della dieta come regolatore dell’umore ha ricevuto molto interesse,” hanno aggiunto i ricercatori. “È stato dimostrato che alcuni componenti della dieta riducono l’ansia e la depressione e migliorano la qualità della vita. In particolare, i prodotti a base di cacao come il cioccolato fondente contengono una serie di composti nutrizionali che hanno il potenziale per influenzare l’umore“.

I benefici per la salute del consumo di cioccolato fondente, in particolare gli effetti dei polifenoli sull’umore, sono stati riportati in diversi studi“.
Volevamo testare la nostra ipotesi, secondo cui il cioccolato fondente ha effetti benefici sui profili batterici intestinali che possono servire a migliorare gli stati d’animo,” hanno evidenziato gli studiosi. “Abbiamo eseguito uno studio clinico randomizzato utilizzando cioccolato fondente con diversi contenuti di cacao (85% e 70% di cacao) e identificato cambiamenti nella diversità e composizione del microbiota intestinale a seguito del consumo di cioccolato fondente, nonché l’associazione tra tali cambiamenti e gli stati emotivi dei partecipanti, adulti sani“.

Lo studio è stato condotto presso la Seoul National University, da Luglio a Dicembre 2017, e ha coinvolto un totale di 48 uomini e donne sani di età compresa tra 20 e 30 anni.
I volontari hanno consumato 30 grammi al giorno di cioccolato con cacao all’85%, cioccolato con cacao al 70%, mentre un gruppo non ne ha consumato, per tre settimane.
È stata condotta un’indagine dietetica utilizzando il metodo della registrazione alimentare di 3 giorni, uno strumento standardizzato per la valutazione della dieta, che includeva 3 giorni casuali.
Ai partecipanti è stato chiesto di registrare i tipi, le quantità, gli ingredienti e i metodi di cottura del cibo che hanno consumato nei 3 giorni precedenti. Gli stati dell’umore sono stati misurati utilizzando la Positive and Negative Affect Schedule (PANAS).

Il consumo giornaliero di cioccolato fondente ha ridotto significativamente gli effetti negativi nel gruppo che ha assunto cioccolato all’85%, ma non nel gruppo del cioccolato con cacao al 70%.
La diversità microbica intestinale era significativamente più alta nel gruppo del cioccolato con cacao all’85% rispetto al gruppo di controllo.

I livelli di Blautia obeum erano significativamente elevati e i livelli di Faecalibacterium prausnitzii erano ridotti nel gruppo cioccolato all’85% rispetto al gruppo di controllo,” hanno affermato gli autori. “Inoltre, abbiamo scoperto che i cambiamenti osservati nei punteggi affettivi negativi erano correlati negativamente con la diversità e l’abbondanza relativa di Blautia obeum“.
Questi risultati indicano che il cioccolato fondente esercita effetti prebiotici, come dimostra la sua capacità di ristrutturare la diversità e l’abbondanza dei batteri intestinali; quindi, può migliorare gli stati emotivi negativi attraverso l’asse intestino-cervello,” hanno concluso gli esperti.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry.