Esplosioni nel nucleo della cometa Leonard: filamenti di gas e polvere nella lunghissima coda, ora “è semplicemente mozzafiato” [FOTO]

La coda della cometa Leonard appare intrecciata con filamenti di gas e polvere, creati da una serie di esplosioni iniziate il 15 Dicembre

MeteoWeb

La cometa Leonard (C/2021 A1) è protagonista da settimane di scatti eccezionali, da ogni parte del mondo, ma quello che sta accadendo ultimamente “è semplicemente mozzafiato“, ha dichiarato Michael Jaeger, che ha fotografato la cometa usando un telescopio da 8 pollici in Namibia:

Credit: Michael Jaeger e Lukas Demetz, skygems.namibia

La magnifica coda della cometa Leonard appare intrecciata con filamenti di gas e polvere, creati da una serie di esplosioni iniziate il 15 Dicembre.
Due o forse 3 esplosioni nel nucleo della cometa hanno proiettato stelle filanti di detriti, che si estendono lungo la coda.

Le stesse esplosioni hanno aumentato la luminosità di Leonard, che ora brilla come una stella di 4ª magnitudine nella costellazione del Microscopio, un facile bersaglio per i piccoli telescopi dell’emisfero australe.

La cometa probabilmente ci riserverà altri “fuochi d’artificio”, in quanto tra pochi giorni (il 3 Gennaio) si verificherà il suo massimo avvicinamento al Sole (0,61 AU), dopo avere raggiunto la minima distanza dalla Terra lo scorso 12 Dicembre. L’aumento del calore potrebbe liberare nuovi getti di gas e polvere e forse anche spazzare via enormi pezzi di ghiaccio e roccia.

A rendere l’idea della lunghezza della coda di Leonard, è uno scatto che arriva direttamente dal Cile: “Ha una coda lunga almeno venti gradi,” ha spiegato Daniele Gasparri, che ha scattato questa foto dal Deserto di Atacama:

Credit: Daniele Gasparri

Ho fotografato la cometa utilizzando un semplice obiettivo da 105 mm su una fotocamera Sony A7s full frame,” ha proseguito Gasparri. “Con un piccolo binocolo possiamo facilmente vedere almeno i primi cinque gradi della sua coda, e il resto è apparso in una breve esposizione con la fotocamera. La coda è sorprendente!

L’attuale posizione di Leonard favorisce gli osservatori dell’emisfero meridionale, sebbene anche quelli dell’emisfero settentrionali possano vederla, bassa nel cielo occidentale dopo il tramonto.