Gli eventi avversi del vaccino Pfizer aumentano in coloro che hanno avuto il Covid. Lo studio

La precedente infezione da Covid-19, ma non il long-Covid, è associata ad un aumento degli eventi avversi a seguito della vaccinazione Pfizer

MeteoWeb

Leggiamo con interesse lo studio recentemente pubblicato da Tré-Hardy et al., che ha riferito che gli eventi avversi (AE) dopo la prima dose di vaccino mRNA-1273/Moderna sono maggiori in chi precedentemente è stato positivo al COVID-19“. E’ quanto scrivono i ricercatori di un’equipe guidati da Rachael Kathleen Raw, su Journal of Infection. I risultati dello studio in questione sono coerenti con altri studi che suggeriscono che i vaccini mRNA possono causare più AE in coloro che hanno una storia di infezione da SARS-CoV-2. Questi risultati, secondo il team guidato da Raw, giustificano ulteriori indagini sugli effetti della precedente storia di COVID-19 sulle reazioni al vaccino, in particolare per comprendere se il tempo tra l’infezione precedente e la somministrazione della vaccinazione o la presenza di “Long-COVID“, può prevedere gli eventi avversi.

Si tratta di un’informazione importante, in quanto potrebbe aiutare ad identificare in anticipo le persone che hanno maggiori probabilità di sperimentare effetti collaterali ai vaccini contro il COVID-19. Inoltre, ci sono implicazioni per quanto riguarda l’esitazione a fare il vaccino, che è in parte guidata dalla paura degli eventi avversi. Come parte di uno studio osservazionale sugli esiti di COVID-19 negli operatori sanitari nel nord-est dell’Inghilterra, i ricercatori hanno valutato gli eventi avversi a seguito delle prime dosi del vaccino BNT162b2/Pfizer, con riferimento ai precedenti COVID-19 e Long-COVID.

Gli operatori sanitari hanno completato un sondaggio elettronico, che ha catturato i sintomi COVID-19 auto-riferiti, i risultati della PCR/anticorpi e gli eventi avversi dopo le prime dosi. La scala di valutazione della tossicità della FDA è stata modificata, consentendo ai partecipanti di auto-segnalare gli eventi avversi per gravità, durata e insorgenza; è stata inclusa anche la linfoadenopatia. È stato calcolato un punteggio composito per la natura e la gravità dei sintomi, per fornire una stima complessiva della morbilità correlata agli eventi avversi. I punteggi AE individuali e compositi sono stati confrontati tra quelli con e senza una precedente storia di COVID-19, come indicato da un precedente risultato positivo dell’anticorpo e/o della PCR auto-riferito.

Long-COVID è stato definito come sintomi che persistono per più di due mesi prima della vaccinazione. Sono stati considerati anche gli effetti dell’età, del sesso e del tempo tra l’infezione passata e la vaccinazione Gli intervistati che hanno consentito l’accesso ai risultati di laboratorio, hanno formato un sottogruppo per un'”analisi di sensibilità“.

Dei 974 operatori sanitari (di età compresa tra 19 e 72 anni) che hanno risposto al sondaggio e hanno fornito dati completi per l’analisi, 265 (27%) partecipanti (84% donne, età media 48,9) hanno riportato un precedente risultato positivo della PCR e/o degli anticorpi, e 709 (80% femmine, età media 47,0) non avevano una storia di COVID-19. All’interno del precedente gruppo COVID-19 (sintomi mediani 8,9 mesi prima della vaccinazione), 30 (83% donne, età media 48,8 anni) si sono lamentati di long COVID.

La percentuale di partecipanti che hanno riportato almeno un sintomo da moderato a severo era più alta nel precedente gruppo COVID-19. L’insorgenza dei sintomi è stata per lo più entro 24 h (75%) senza insorgenza dopo le 48 h. Il numero e la durata totale dei sintomi riportati erano maggiori nelle donne e significativamente diminuito con l’età. Dopo aver controllato per età e sesso, numero di sintomi più alti erano significativamente associati alla segnalazione di precedenti COVID-19.