I Vichinghi si spostavano e si espandevano in base alle rotte commerciali: le evidenze archeologiche che lo dimostrano

Ritrovamenti di artefatti tracciano l'espansione di commercio a lunga distanza dalla lontana Norvegia artica e dal Medio Oriente, in piena epoca vichinga

MeteoWeb

La datazione precisa dei manufatti di un emporio commerciale altomedievale in Danimarca traccia l’espansione del commercio a lunga distanza fino alla Norvegia artica e al Medio Oriente all’inizio dell’era vichinga. A fare il punto su questa analisi è un articolo pubblicato su Nature questa settimana. L’arrivo di perline mediorientali e la produzione di spille in stile Berdal nella Scandinavia vichinga è stata datata con precisione al 785-810 d.C. Questi risultati suggeriscono che l’inizio dell’era vichinga potrebbe essere stato associato alla competizione per le rotte commerciali.

I tempi e le dinamiche delle interazioni a lunga distanza nell’era vichinga sono ampiamente dibattuti. Alcuni sostengono che l’emergere di un ciclo commerciale globale, basato sul crescente impero islamico in Medio Oriente, abbia fornito il catalizzatore economico per il commercio dell’era vichinga e la prosperità dell’Europa occidentale sotto Carlo Magno. Altri mettono in dubbio la data e l’impatto di questo commercio e sostengono che gli sviluppi nella Scandinavia vichinga e nell’impero carolingio furono per lo più regionali.

Il Museo dello Jutland sudoccidentale

Utilizzando nuove curve di calibrazione del radiocarbonio di un anno, Bente Philippsen e colleghi hanno datato con precisione i manufatti di un emporio commerciale dell’era vichinga a Ribe, in Danimarca. Questo modello fornisce punti di ancoraggio cronologici per il periodo compreso tra il 760 e l’800 d.C. Gli autori hanno scoperto che durante le sue prime fasi, Ribe potrebbe aver commerciato esclusivamente con l’Europa occidentale continentale, come evidenziato da due tipi di manufatti: perle di vetro realizzate con materiale di vetro riciclato da materiale rotto abbeveratoi o tessere di mosaico romano e ceramiche del Reno. Le pietre per affilare fatte di roccia norvegese possono essere datate intorno al 740 d.C., il che suggerisce che il commercio marittimo stava crescendo all’interno della Scandinavia prima dell’escalation delle incursioni vichinghe del Mare del Nord nel 790 d.C. regione del Mar Baltico. Infine, l’arrivo di perline mediorientali e la produzione di spille in stile Berdal furono datate al 785-810 d.C.

I ricercatori hanno usato “una curva di calibrazione del radiocarbonio di un anno per ancorare nel tempo la stratigrafia archeologica di un centro commerciale dell’era vichinga. Presentiamo prove assolutamente datate per ritrovamenti di artefatti che tracciano l’espansione di commercio a lunga distanza dalla lontana Norvegia artica e dal Medio Oriente, che noi abbiamo collegato all’inizio dell’era vichinga. I metodi sviluppati consentono alle interazioni umane e ai cambiamenti culturali, climatici e ambientali di essere confrontati nelle stratigrafie archeologiche di tutto il mondo“, precisano gli autori.

Il Museo dello Jutland sudoccidentale

I ricercatori concludono che l’utilizzo di questo modello può ora consentire l’esplorazione di possibili collegamenti tra rapidi cambiamenti nel passato, come le tendenze economiche e climatiche.

Il Museo dello Jutland sudoccidentale