La Cina continua a puntare sul carbone: “sta utilizzando politiche climatiche solo per indebolire l’Occidente”

“Per il presidente Xi Jinping, l'agenda della decarbonizzazione è solo un modo molto semplice per indebolire l'Occidente. Le riduzioni di anidride carbonica hanno senso solo per coloro che Pechino desidera danneggiare e soppiantare”, si legge in un rapporto della Global Warming Policy Foundation

MeteoWeb

Un nuovo documento della Global Warming Policy Foundation avverte che la Cina non ha intenzione di decarbonizzare. Sebbene si dica che ridurrà le emissioni di CO₂, in realtà il potere dei comunisti svanirebbe senza la costante crescita economica che solo i combustibili fossili possono portare, secondo l’autrice del documento, l’esperta cinese Patricia Adams. Adams è un’economista e direttrice esecutiva di Probe International, una ONG con sede a Toronto che è stata coinvolta nel movimento ambientalista cinese sin dai suoi inizi a metà degli anni ’80.

Adams afferma che la Cina è intenzionata a diventare l’unica superpotenza mondiale e sta utilizzando tutti i mezzi a sua disposizione per assicurarsi i combustibili fossili per guidare la sua crescita. “Pechino ha svelato le sue carte alla COP26, assicurando che il testo fosse annacquato al punto da essere privo di significato”, sostiene Adams.

Il vertice sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow, nel novembre 2021, è stato progettato per convincere 190 leader mondiali a impegnarsi a ridurre le emissioni di anidride carbonica e salvare il pianeta. L’obiettivo principale era il carbone, responsabile del 42% delle emissioni mondiali di anidride carbonica e molto più inquinante delle fonti energetiche alternative, compresi altri combustibili fossili. Ma all’ultimo minuto, India e Cina, i maggiori consumatori del mondo, hanno chiesto una modifica al testo dell’accordo. Senza la foglia di fico del sostegno di Pechino, in particolare, la finzione dei negoziati sul clima sarebbe finita. Il vertice della COP26 ha quindi ceduto e il linguaggio è cambiato, da un impegno urgente a “eliminare gradualmente” l’uso dell’energia dal carbone, a “ridurre gradualmente”, suggerendo una lenta marcia nelle riduzioni che consentirebbe l’uso continuato del carbone a tempo indeterminato. L’insistenza della Cina sul linguaggio che ha approvato l’uso continuato di combustibili fossili ha le sue radici in due esigenze urgenti. In primo luogo, senza carbone, petrolio e gas, la sua economia avrebbe prestazioni inferiori, screditando la legittimità del governo comunista. Altrettanto importante, senza combustibili fossili, il presidente cinese Xi Jinping non sarebbe in grado di raggiungere il suo obiettivo generale: rendere la Cina la potenza suprema del mondo entro l’anno 2049, il centenario della fondazione della Repubblica popolare cinese”, scrive Adams nel suo rapporto.

Secondo l’esperta, la Cina usa l’agenda climatica sia come un modo per rafforzare la sua economia sia come un’arma per indebolire altri Paesi”. “Ora monopolizza le industrie eoliche e solari globali, sebbene la propria infrastruttura per le energie rinnovabili, come ovunque, sia inaffidabile (e quindi richieda il backup della generazione termica), costosa e soggetta ad alti tassi di riduzione. Ma i suoi siti nazionali di energie rinnovabili servono come efficaci progetti dimostrativi per i tour degli ambientalisti occidentali, che poi fanno pressioni sui loro governi per acquistare queste forme di energia costose e inaffidabili. Quando lo fanno, questo dà alla Cina due vittorie per le due sconfitte dell’Occidente. Sullo stesso modello di trarre profitto dalla vendita all’Occidente di tecnologie paralizzanti, la Cina spera di dominare il mercato dei veicoli elettrici”, afferma Adams.

Perseguendo politiche climatiche unilaterali, i Paesi occidentali stanno ostacolando le loro economie attraverso l’aumento dei costi energetici, blackout elettrici e altre carenze di approvvigionamento come sicuramente potrebbero fare i sabotatori in tempo di guerra, solo che il danno è autoinflitto e a livello di sistema. Nessuna arma è più potente nel paralizzare le economie occidentali dell’agenda delle emissioni zero nette. L’esercito cinese qui include ONG ambientaliste e media occidentali, che insieme danno a politici ingenui i loro ordini di marcia”, si legge nel rapporto.

Affinché il regime comunista sopravviva, e questa è sicuramente la massima priorità del Partito Comunista Cinese, i combustibili fossili per la crescita economica devono essere sicuri, il che spiega perché tutte le risorse dello stato sono messe a disposizione per questo compito. Il perseguimento delle riduzioni di CO₂ all’interno della Cina non servirebbe né all’obiettivo di preservare il dominio comunista né a diventare la principale superpotenza mondiale entro il 2049. Per la leadership cinese, è una follia. Per quanto riguarda il PCC, le riduzioni dell’anidride carbonica hanno senso solo per coloro che desidera danneggiare e soppiantare”, conclude Adams.

A proposito delle riduzioni di emissioni, un rapporto di Center for Research on Energy and Clean Air (CREA) e Global Energy Monitor (GEM), riferito all’anno 2020, mette in luce come la Cina non stia affatto intraprendendo la strada della decarbonizzazione, anzi. “Mentre l’interesse per nuovi investimenti nell’energia dal carbone sta rallentando in gran parte del mondo, è in aumento in Cina. Nel 2020, la Cina ha creato oltre tre volte la nuova capacità di energia a carbone di tutti gli altri Paesi del mondo messi insieme, l’equivalente di oltre una grande centrale a carbone a settimana. Inoltre, in Cina sono stati avviati oltre 73 gigawatt (GW) di nuovi progetti di energia a carbone, cinque volte tanto quanto in tutti gli altri Paesi, mentre anche i permessi di costruzione per nuovi progetti a carbone sono accelerati”, si legge nel rapporto.

I risultati chiave del rapporto includono:

  • La Cina ha commissionato 38,4 GW di nuove centrali a carbone nel 2020, oltre il triplo degli 11,9 GW commissionati nel resto del mondo.
  • La flotta a carbone della Cina è cresciuta di 29,8 GW netti nel 2020, mentre nel resto del mondo la capacità netta è diminuita di 17,2 GW.
  • La Cina ha avviato 73,5 GW di nuove proposte di centrali a carbone nel 2020, oltre cinque volte i 13,9 GW avviati nel resto del mondo messi insieme.
  • Le province cinesi hanno concesso l’approvazione alla costruzione di 36,9 GW di progetti di centrali a carbone nel 2020, oltre tre volte la capacità consentita nel 2019 (11,4 GW).
  • La Cina ha ora 247 GW di centrali a carbone in fase di sviluppo (88,1 GW in costruzione e 158,7 GW proposti per la costruzione) – un aumento del 21% rispetto alla fine del 2019 (205 GW) e quasi sei volte l’intera capacità a carbone della Germania (42,5 GW) .

L’alto livello di sviluppo delle centrali a carbone in Cina è notevole, dato il recente impegno del presidente Xi Jinping a portare il Paese alle emissioni zero entro il 2060. Nonostante l’impegno, la crescita nello sviluppo delle centrali a carbone è stata resa possibile dalla supervisione permissiva del governo centrale, compreso l’allentamento delle restrizioni sulla costruzione di nuove centrali a carbone e sui permessi nella maggior parte delle province cinesi”, si legge nel rapporto.

La variazione netta della capacità energetica globale a carbone 2000-2020 (linea continua) e la variazione netta senza la Cina (linea tratteggiata). Fonte: Global Coal Plant Tracker, Gennaio 2021