“Anomalie atmosferiche inspiegabili” su Venere: le nuvole del pianeta potrebbero celare la vita

"Venere ha anomalie atmosferiche persistenti e inspiegabili che sono incredibili. Ciò lascia spazio alla possibilità della vita"

MeteoWeb

Secondo una ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences, possibili forme di vita nelle nuvole venusiane potrebbero innescare una cascata di reazioni chimiche che stanno rendendo l’ambiente molto più “abitabile”, adatto ad ospitare la vita.

Venere è spesso chiamato il pianeta gemello della Terra a causa di massa e dimensioni simili. Tuttavia, a causa, in parte, dell’effetto serra della sua massiccia atmosfera dominata dall’anidride carbonica, la temperatura della superficie venusiana è superiore a +427°C, troppo calda per qualsiasi forma di vita.
La superficie di Venere è quindi in completo contrasto con la superficie temperata della Terra e la ricca biosfera superficiale. Venere è perennemente avvolta in uno spesso strato di nubi, per circa 20 km, compresi gli strati dell’atmosfera temperata da 48 km a 60 km.

Gli scienziati ritengono che queste nuvole siano costituite da goccioline di acido solforico concentrato. Se le particelle delle nubi sono effettivamente composte da questa sostanza, allora è difficile immaginare come potrebbe sopravvivere un tipo di forma di vita chimicamente simile a quella sulla Terra.

venere

Negli anni ’70, le sonde Venera 8 e Pioneer Venus hanno rilevato l’ammoniaca (NH₃) nelle nuvole del pianeta.
L’ammoniaca non dovrebbe essere su Venere,” ha affermato Sara Seager, ricercatrice presso il Department of Earth, Atmospheric and Planetary Sciences del MIT. “Ha idrogeno attaccato ad esso e c’è pochissimo idrogeno in giro. Qualsiasi gas che non appartiene al contesto del suo ambiente è automaticamente sospettato di essere un prodotto dalla vita“.

Nel nuovo studio, il professor Seager e colleghi hanno realizzato modelli di una serie di processi chimici in cerca di una risposta. Hanno scoperto che se la vita producesse ammoniaca nel modo più efficiente possibile, le reazioni chimiche associate produrrebbero naturalmente ossigeno.
Una volta presente nelle nuvole, l’ammoniaca si dissolverebbe in goccioline di acido solforico, neutralizzando efficacemente l’acido per rendere le goccioline relativamente “abitabili”, adatte per ospitare la vita.
L’introduzione di ammoniaca nelle goccioline trasformerebbe la loro forma precedentemente rotonda e liquida in un composto non sferico, simile al sale.
Se l’ammoniaca si dissolve nell’acido solforico, la reazione fa sciogliere anche l’anidride solforosa circostante.

La presenza di ammoniaca quindi potrebbe effettivamente spiegare la maggior parte delle principali anomalie osservate nelle nuvole di Venere.

I ricercatori hanno anche mostrato che fonti come fulmini, eruzioni vulcaniche e persino un meteorite non potrebbero produrre chimicamente la quantità di ammoniaca necessaria per spiegare le anomalie. La vita, tuttavia, potrebbe.
In effetti, ci sono forme di vita sulla Terra, in particolare nel nostro stomaco, che producono ammoniaca per neutralizzare e rendere vivibile un ambiente altrimenti altamente acido.
Ci sono ambienti molto acidi sulla Terra dove esiste la vita, ma è differente rispetto a ciò che accade su Venere, a meno che la vita non stia neutralizzando alcune di quelle goccioline,” ha detto Seager. “Ci sono molte altre sfide da superare per la vita se vuole esistere tra le nuvole di Venere,” ha affermato William Bains, ricercatore presso la School of Physics and Astronomy dell’Università di Cardiff. “Non c’è quasi acqua, e tutta la vita che conosciamo ha bisogno di acqua. Se la vita è lì, però, neutralizzare l’acido potrebbe rendere le nuvole un po’ più abitabili di quanto pensassimo“.

Gli scienziati potrebbero avere la possibilità di verificare la presenza di ammoniaca e segni di vita nei prossimi anni con le Venus Life Finder Missions che prevedono di inviare veicoli spaziali su Venere per misurare l’ammoniaca delle sue nuvole e scovare eventuali altre tracce di vita.
Venere ha anomalie atmosferiche persistenti e inspiegabili che sono incredibili. Ciò lascia spazio alla possibilità della vita,” ha concluso Seager.