I genomi di 204 Vitis vinifera rivelano l’origine delle uve da vino europee

Secondo un nuovo studio, l'uva da vino europea potrebbe aver avuto origine dall'ibridazione di uve da tavola dell'Asia occidentale e parenti selvatici locali

MeteoWeb

L’uva è coltivata da quasi quattro millenni nel Mediterraneo orientale e da due millenni nell’Europa occidentale. Tuttavia, l’origine delle uve da vino europee, comprese varietà come Merlot, Chardonnay, Sauvignon Blanc e Pinot Nero, è dibattuta. Ricerche precedenti hanno suggerito che l’uva da vino europea abbia avuto origine dall’addomesticamento delle specie di uva selvatica europea, indipendentemente dagli eventi di addomesticamento nell’Asia occidentale.

Ma ora secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature, l’uva da vino europea potrebbe aver avuto origine dall’ibridazione di uve da tavola dell’Asia occidentale e parenti selvatici locali. I risultati rivelano informazioni sulla storia e sull’ascendenza genetica delle uve da vino europee.

Michele Morgante, Gabriele Di Gaspero e colleghi hanno analizzato i genomi di 204 Vitis vinifera (vite comune) per esplorare le origini delle uve da vino europee. Gli autori suggeriscono che le uve abbiano avuto origine da un singolo evento di addomesticamento nell’Asia occidentale, molto probabilmente nel Caucaso meridionale, seguito da più cicli di incroci con la popolazione di viti selvatiche europee. Hanno anche identificato le impronte genetiche per l’addomesticamento e la selezione, che determinano le uve utilizzate per la produzione del vino di oggi. Gli autori hanno osservato livelli simili di diversità genetica nelle uve selvatiche e nelle varietà utilizzate per la produzione del vino di oggi.

Inoltre, i risultati suggeriscono che l’Italia e la Francia hanno la maggiore diversità genetica tra le loro viti coltivate dei Paesi europei inclusi. “Si osservano tre regioni genomiche di ridotta diversità genetica, presumibilmente come conseguenza della selezione artificiale. Nella regione a diversità più bassa, due geni candidati che hanno ottenuto l’espressione specifica per l’acino nelle varietà domestiche possono contribuire al cambiamento delle dimensioni e della morfologia dell’acino che rende il frutto attraente per il consumo umano e adattato per la vinificazione”, riporta lo studio.