Previsioni Meteo, grande nevicata al Nord nel giorno dell’Immacolata: 20-30cm di neve in pianura – DETTAGLI

Previsioni meteo: perturbazione atlantica su substrato freddo e la neve sarà servita fino in pianura al Nord. Ecco le maggiori città coinvolte con prime stime sui possibili centimetri di accumulo

MeteoWeb

È oramai piuttosto certo, secondo le previsioni meteo, il peggioramento invernale che interverrà del giorno dell’Immacolata su gran parte del Nord Italia. Abbiamo già avuto modo di rilevare che si tratterà di un peggioramento piuttosto rapido che durerà essenzialmente per l’intera giornata di mercoledì 8 dicembre, ma si annuncia decisamente importante, soprattutto perché sarà contraddistinto da precipitazioni in prevalenza nevose e fino in pianura. L’evoluzione sarà una di quelle classiche, invernali per il Nord Italia, con cuscino freddo nei bassi strati, accumulatosi per una irruzione di aria più fredda dal Mare del Nord nelle 48 ore precedenti, e sovrapposizione a esso di aria molto umida, più mite, ma perturbata, indotta da una ben strutturata perturbazione atlantica.

Le prime nubi e precipitazioni sono attese, secondo le previsioni meteo, nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8, con precipitazioni essenzialmente in forma nevosa tra Piemonte, Lombardia, Ovest Emilia, qui di più sul Piacentino, e sui settori interni liguri. Il maltempo invernale si farà più intenso nel corso della mattinata di mercoledì e poi per tutto il pomeriggio, ancora localmente la sera, con nevicate estese tra Piemonte e Lombardia, su tutti i settori alpini e prealpini centro-orientali, sui settori interni liguri, localmente sull’Emilia occidentale.

Nella mappa interna, abbiamo circoscritto le aree interessate dalla neve che saranno tutte del Nord, anche pianeggianti, eccetto l’Emilia-Romagna centro-orientale, l’Est Veneto e la Venezia Giulia,  magari anche l’estremo Sudest della Lombardia, ma qui comparse di fiocchi saranno più possibili. Abbiamo circoscritto anche le aree dove nevicherà di più, secondo gli ultimi aggiornamenti, soprattutto su gran parte della Lombardia, sui settori alpini e prealpini veneti e friulani e poi su tutto il Piemonte e sulle aree interne liguri tra Imperiese, Savonese e Genovese.

Ecco i capoluoghi di provincia colpiti di più con stima possibili centimetri: per il Piemonte Torino, 10/13 cm, Biella 14/18 cm, Asti 15/20 cm, Cuneo 10/15 cm, Alessandria 18/24 cm, Novara, 10/15 cm, Vercelli 10/15 cm, area Domodossola e Verbania, 12/15 fino a 20 cm; per la Lombardia, Pavia 15/20 cm,  Lodi 10/14 cm, Milano, 15/18 cm, Varese 15/20 cm, Como 18/23 cm, Monza 13/17 cm, Lecco, 20/30 cm, Sondrio 18/23 cm, Bergamo 15/20 cm, Brescia 3/7 cm, Cremona 1/3 cm, Mantova comparse o imbiancate;  in Emilia, Piacenza 8/10 cm, comparse o imbiancate a Parma; nel Veneto,  Verona 1/3 cm, Padova comparse o imbiancate, Vicenza 3/6 cm, Belluno 18/22 cm. Infine, neve sulle colline interne del Genovese, Savonese e Imperiese con accumuli fino a 15/20 o anche 22/23 cm verso i confini piemontesi.