Quasi 17 milioni di vertebrati uccisi negli incendi del 2020 in Brasile: l’impatto catastrofico nella zona umida del Pantanal – FOTO

Un nuovo studio evidenzia l'impatto catastrofico che gli incendi del 2020 hanno avuto sulla fauna selvatica nelle zone umide del Pantanal, in Brasile: uccisi quasi 17 milioni di vertebrati

MeteoWeb

Gli incendi del 2020 nella zona umida del Pantanal, in Brasile, hanno causato la morte immediata di potenzialmente 16,9 milioni di vertebrati, tra cui lucertole, uccelli e primati, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature.

Gli incendi nella zona umida del Pantanal sono divampati tra gennaio e novembre 2020, causando enormi danni alla più grande zona umida tropicale del mondo. Walfrido Moraes Tomas, Ronaldo Morato e colleghi hanno stimato la morte degli animali negli incendi contando le carcasse nelle aree bruciate. Hanno campionato carcasse a intervalli lungo tratti di palude (114,43 chilometri in totale) subito dopo un incendio.

Gli autori hanno trovato 302 carcasse e, nonostante le loro cattive condizioni, sono stati in grado di identificare la specie nella maggior parte dei casi. Hanno quindi aumentato il loro numero sia per i piccoli vertebrati (con un peso corporeo inferiore a 2 kg) che per i vertebrati medio-grandi (con un peso corporeo superiore a 2 kg) per stimare quanti animali sono stati uccisi in totale.

Credit: CENAP-ICMBio

Gli autori stimano che tra gennaio e novembre 2020 siano stati uccisi tra i 13.206.700 e i 18.811.300 piccoli vertebrati nell’area bruciata di 39.030km² delle zone umide del Pantanal. I piccoli vertebrati includevano piccole lucertole, uccelli e roditori. Gli autori stimano anche che siano stati immediatamente uccisi tra 691.090 e 1.196.570 vertebrati medio-grandi, compresi ungulati e primati. Gli esperti forniscono una stima totale complessiva di 16.952.000 vertebrati uccisi negli incendi.

Gli autori riferiscono che il loro campionamento probabilmente ha mancato diverse specie note per essere state uccise dagli incendi, tra cui giaguari, puma e tapiri. Inoltre, avvertono che la loro stima non riflette il pieno impatto degli incendi che avrebbero causato la successiva morte di animali a causa della perdita dell’habitat.

Walfrido Moraes Tomas e colleghi concludono che il loro studio evidenzia l’impatto catastrofico che gli incendi del 2020 hanno avuto sulla fauna selvatica nelle zone umide del Pantanal e l’importanza di prevenire i disastri futuri. “Il caso del Pantanal ci ricorda anche che l’impatto cumulativo di un incendio diffuso sarebbe catastrofico, poiché la ricorrenza degli incendi può portare all’impoverimento degli ecosistemi e all’interruzione del loro funzionamento. Per superare questo scenario insostenibile, è necessario stabilire una corretta gestione del combustibile da biomassa per evitare impatti cumulativi causati dagli incendi sulla biodiversità e sui servizi ecosistemici”, sostengono gli autori.

Gli scenari di cambiamento climatico per la regione del Pantanal indicano una diminuzione delle precipitazioni del 30% rispetto alla precipitazione media tra il 2070 e il 2100, nonché un aumento della temperatura e della frequenza degli eventi climatici estremi. Tuttavia, c’era già una carenza del 40% di precipitazioni nella regione nel 2020, così come un aumento di 2°C della temperatura media dal 1980, creando le condizioni ideali che hanno contribuito agli incendi del 2020 nella zona umida del Pantanal. In effetti, c’è una tendenza in atto nel Pantanal, poiché negli ultimi due decenni si è registrato un aumento del 376% della superficie media annua bruciata, con il 43% della superficie non precedentemente bruciata durante questo periodo”, si legge nello studio.

La prospettiva di una maggiore frequenza ed estensione degli incendi nel Pantanal e in altri ecosistemi tropicali rappresenta una seria minaccia per la conservazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici, poiché gli effetti cumulativi possono essere considerevoli in una prospettiva a lungo termine. In effetti, gli incendi del 2020 non si sono limitati alla zona umida del Pantanal, poiché aree incendiate eccezionalmente vaste sono state registrate anche più a sud, dai dintorni di Buenos Aires in Argentina, attraversando la regione del Chaco in Argentina, Paraguay e Bolivia e colpendo pesantemente le foreste secche di Chiquitano in Bolivia, così come vaste porzioni della foresta pluviale amazzonica e della savana del Cerrado in Brasile. In questa prospettiva, strategie in grado di prevenire i disastri degli incendi boschivi sono fondamentali per evitare il degrado dell’ecosistema e le perdite economiche, nonché l’aumento delle emissioni di gas serra, considerando gli scenari del cambiamento climatico”, concludono gli autori dello studio.

Cervo sopravvissuto agli incendi del Pantanal. Credit: CENAP-ICMBio