Seguita per la prima volta la misteriosa rotta di migrazione delle anguille australiane

Ogni anno, le anguille australiane adulte percorrono 2000km dalle loro case d'acqua dolce alle profondità dell'oceano: seguita per la prima volta la loro rotta di migrazione

MeteoWeb

Per la prima volta in assoluto, gli scienziati sono stati in grado di registrare informazioni sulla migrazione delle anguille a pinne corte australiane. Ogni anno, le anguille adulte percorrono 2000km dalle loro case d’acqua dolce alle profondità dell’oceano per accoppiarsi e morire. Questa non è la prima volta che intraprendono un viaggio epico, in quanto compiono il viaggio anche al contrario: dall’oceano profondo all’acqua dolce, dove trascorrono la maggior parte della loro vita adulta.

Il loro viaggio di ritorno verso le acque profonde completa il loro ciclo di vita, ma fino ad ora gli scienziati hanno avuto una comprensione limitata del percorso che prendono e delle sfide che devono affrontare lungo il percorso. Alla pelle delle anguille sono stati attaccati piccoli tracker compatti, che registrano la luce, la temperatura e la profondità. “Utilizzando queste informazioni, siamo in grado di ricostruire la rotta di migrazione delle anguille e anche di determinare cosa è successo loro lungo la strada”, afferma Wayne Koster, ecologo dell’Arthur Rylah Institute for Environmental Research, che ha guidato il documento pubblicato di recente su Scientific Reports .

Sedici anguille dei fiumi Hopkins e Fitzroy del Victoria occidentale sono state dotate di tracker dal 2019. Con sorpresa dei ricercatori, nonostante provenissero dalla stessa zona, ogni anguilla ha seguito il proprio percorso. “Alcune anguille sono andate direttamente a est attraverso lo stretto di Bass e poi a nord“, dice Wayne. “Altre sono andate a sud e hanno girato intorno alla Tasmania e poi a nord. Quindi ci sono molte variazioni nel modo in cui arrivano a destinazione. Le anguille che migrano verso sud e intorno alla Tasmania stanno seguendo un percorso più lungo, ma che le porta più velocemente in acque più profonde. Ciò potrebbe avere alcuni vantaggi in termini di riduzione della predazione”.

Secondo Wayne, una delle principali informazioni dello studio è quante sfide affrontano le anguille nel tentativo di raggiungere la loro destinazione. “Quando la temperatura sale, ci dice che le anguille, insieme al loro localizzatore, sono state ingerite da uno squalo o una balena, quindi sono potenzialmente una preziosa fonte di cibo per alcuni dei predatori marini là fuori”.

L’anguilla a pinne corte è culturalmente significativa per i proprietari tradizionali Gunditjmara, popolo aborigeno australiano i cui antichi siti di trappole per anguille sono stati recentemente aggiunti alla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, segnando la prima volta che un sito è stato protetto esclusivamente per la sua importanza culturale aborigena. I proprietari tradizionali Gunditjmara hanno lavorato con il Dipartimento dell’Ambiente, del Territorio, dell’Acqua e della Pianificazione del Victoria sul programma di localizzazione satellitare.

Il fatto che le popolazioni di anguille siano drasticamente diminuite negli ultimi 50 anni in tutto il mondo è motivo di grande preoccupazione sia per gli scienziati che per i proprietari tradizionali. Si spera che questa nuova ricerca possa essere utilizzata per comprendere meglio le potenziali minacce alle anguille a pinne corte. “Lo sviluppo umano dell’ambiente marino è in aumento. Attività come le prove sismiche e le trivellazioni in acque profonde, ad esempio. Comprendere dove migrano le anguille può aiutare a capire se potrebbero interagire con questo tipo di attività nell’ambiente marino”, afferma Wayne, aggiungendo che i dati potrebbero essere utilizzati anche per migliorare la gestione della pesca. “Sono raccolte nella pesca commerciale. E un meccanismo di gestione chiave si basa sul numero di adulti che lasciano l’acqua dolce, ma non tiene conto della possibilità che molti adulti non raggiungano i loro luoghi di riproduzione perché sono stati mangiati lungo la rotta. È qualcosa che dobbiamo considerare meglio in termini di come pensiamo alla gestione delle anguille”, conclude Wayne.

Sebbene i tracker abbiano gettato una luce importante sulla rotta di migrazione delle anguille, si sa poco della destinazione finale esatta delle anguille, in parte perché i tracker sono programmati per staccarsi dalle anguille in un momento prestabilito. Alcuni ipotizzano che i luoghi di riproduzione delle anguille a pinne corte siano vicino alla Nuova Caledonia. “Nessuno è ancora stato in grado di dire con certezza esattamente dove si stanno generando”, afferma Wayne.