Spazio, la NASA punta su Stazioni private nel futuro: assegnati 415 milioni a Blue Origin, Nanoracks e Northrop Grumman

La NASA ha assegnato 415 milioni di dollari a 3 società per lo sviluppo di stazioni spaziali commerciali che potrebbero un giorno sostituire la ISS

MeteoWeb

Anticipando il futuro ritiro della Stazione Spaziale Internazionale, la NASA ha annunciato di aver firmato contratti con 3 società per aiutarle a sviluppare stazioni private.
Le tre società sono Blue Origin, Nanoracks e Northrop Grumman, che riceveranno rispettivamente 130, 160 e 125,6 milioni di dollari.

Stiamo collaborando con aziende americane per sviluppare destinazioni spaziali che le persone possono visitare, dove possono vivere e lavorare,” ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una nota.
L’Agenzia spaziale statunitense incoraggia fortemente la privatizzazione dell’orbita bassa per risparmiare denaro e concentrarsi su missioni di esplorazione più distanti sulla Luna e su Marte.

Il futuro della Stazione Spaziale Internazionale è ufficialmente assicurato fino al 2024 e la NASA ha confermato che potrà operare fino al 2028. Nelson si è espresso a favore dell’estensione fino al 2030.
L’obiettivo è un graduale passaggio di consegne con le stazioni private, ponendo fine all’attuale cooperazione internazionale sulla ISS, in particolare con la Russia. Questi contratti “contribuiranno a garantire agli Stati Uniti una presenza umana continua in orbita bassa,” ha dichiarato Phil McAlister, direttore dei voli commerciali per la NASA.