Trombosi del seno venoso post-vaccinazione anti SARS-CoV-2: su 308 casi, 62 pazienti sono morti

La trombosi del seno venoso si è verificata più comunemente con il vaccino di Astrazeneca, seguito a ruota dal vaccino di Pfizer-Biontech

MeteoWeb

Ci sono numerose prove che le vaccinazioni SARS-CoV-2 possono essere complicate dalla trombosi del seno venoso (VST). Una ricerca condotta da Josef Finsterer e Sinda Zarrouk, ha mirato a riassumere e discutere i progressi precedenti e recenti riguardanti la diagnosi, la patogenesi, il trattamento e l’esito della vaccinazione VST post-SARS-CoV-2. Almeno 308 pazienti con VST post-vaccinazione SARS-CoV-2 sono stati segnalati alla fine di luglio 2021. L’età tra questi 308 pazienti variava tra 22 e 81 anni, 69 erano maschi e 197 femmine.

La VST si è verificata più comunemente con il vaccino di Astrazeneca, seguito a ruota dal vaccino di Pfizer-Biontech. Nella stragrande maggioranza dei casi, VST si è verificato dopo la prima dose. Solo in sei pazienti si è verificata VST dopo la seconda dose. La latenza tra la vaccinazione e l’insorgenza di VST variava tra 0 e 24 giorni. Per quanto riguarda il trattamento, la maggior parte dei pazienti ha ricevuto eparina seguita da anticoagulanti orali. Sette pazienti hanno ricevuto IVIG e sei pazienti hanno ricevuto steroidi a causa della concomitante trombocitopenia immunitaria indotta dal vaccino. Il recupero completo è stato riportato in 5 pazienti. Recupero parziale è stato riportato in 9 pazienti. Otto pazienti erano vivi o dimessi. Sessantadue pazienti sono morti. Il risultato non è stato specificato nel resto.

In conclusione, le vaccinazioni SARS-CoV-2 possono essere complicate dal VST. C’è una preponderanza femminile e il risultato è spesso scarso.