Un antinfiammatorio naturale abbassa il colesterolo alto e la glicemia: una profumata spezia antitumorale tiene sotto controllo il diabete

Un alimento antitumorale e antinfiammatorio vanta tanti benefici per il nostro organismo: è un alleato contro il colesterolo alto, abbassa la glicemia tenendo sotto controllo il diabete

MeteoWeb

Una spezia ricca di potassio, magnesio, ferro e fosforo è anche un profumato antinfiammatorio naturale, in grado di abbassare il colesterolo alto e di alleviare dolori muscolari e reumatismi. E’ un alimento antitumorale e prezioso per chi soffre di diabete, in quanto alleato per abbassare la glicemia.
I chiodi di garofano, dal profumo forte, dolce e fiorito, con una punta pepata, sono davvero un toccasana per la nostra salute.

Cosa sono i chiodi di garofano?

I chiodi di garofano, scientificamente noti col nome di “Eugenia caryophyllata”, sono i boccioli floreali di un pianta appartenente alla famiglia delle Myrtaceae.

E’ un sempreverde, alto 10-15 metri, di forma tondeggiante, che cresce spontaneamente in Indonesia, nelle Antille, in Madagascar e alle isole Runion, dalle foglie rosate quando sono ancora giovani, che diventano di un verde brillante e lucido con la maturità. Subito dopo la stagione delle piogge, iniziano a comparire i boccioli fiorali, a forma di pannocchia, all’inizio di colore giallo-verde, in seguito di colore rosa, che diventano rosso vivo nella maturità. Appena il colore inizia a volgere verso il rosa, i boccioli fiorali sono raccolti per ottenere proprio la spezia.

I chiodi di garofano nella storia

I chiodi di garofano erano conosciuti sin dall’antichità, infatti è noto che i mandarini cinesi erano soliti masticarli o semplicemente tenerli in bocca, come una caramella, per profumare l’alito prima di rivolgersi all’imperatore.
Il chiodo di garofano era una delle spezie principali importate dalla Compagnia Olandese delle Indie Orientali in Europa nel 1400 e 1500. In quel periodo, le spezie provenienti da quei luoghi, come la cannella e la noce moscata, costavano tantissimo, dato che erano molto impiegate sia per conservare il cibo e per nasconderne il sapore dell’andato a male, sia in farmacia.

Le proprietà dei chiodi di garofano

I chiodi di garofano contrastano l’attività dei radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare, combattono l’osteoporosi, hanno proprietà analgesico-anestetiche, pertanto sono un ottimo rimedio contro mal di denti, gengivite e parodontite. Battericidi e fungicidi, i chiodi di garofano sono consigliati in caso di costipazione, indigestione, per ridurre la flatulenza, la nausea e l’irritabilità gastrica. Corroboranti e tonici, aiutano a combattere gli stati di spossatezza ed il mal di testa, tengono sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue, per cui sono alleati di chi soffre di diabete.
Antimicotici, stimolanti per la circolazione sanguigna, antinfiammatori, i chiodi di garofano sono benefici in caso di raffreddore, bronchite, asma, sinusite, reumatismi e artrite.

Chiodi di garofano, benefici e controindicazioni: il parere degli esperti

Secondo gli esperti dell’Humanitas Research Hospital, ospedale ad alta specializzazione, centro di Ricerca e sede di insegnamento universitario,

i chiodi di garofano sono ricchissimi in particolare di sali minerali (soprattutto potassio, magnesio e ferro, ma anche sodio e fosforo). I chiodi di garofano hanno proprietà antinfiammatorie (vengono utilizzati in ambito fitoterapico soprattutto nel trattamento delle malattie odontostomatologiche) e contribuiscono ad alleviare dolori muscolari e reumatismi. Sono inoltre antibatterici (combattono soprattutto le infezioni urinarie) e attenuano problemi digestivi come aerofagia e gonfiore addominale. Aiutano a combattere la stanchezza e hanno proprietà antidepressive.
Non sono note particolari controindicazioni, a parte casi di allergie specifici“.
Non risultano condizioni a oggi conosciute in cui il consumo di chiodi di garofano potrebbe interferire con farmaci o altre sostanze“.

Gli esperti Humanitas ricordano che, 100 grammi di chiodi di garofano sviluppano 274 calorie e contengono approssimativamente:

  • 10 g di acqua
  • 6 g di proteine
  • 13 g di lipidi
  • 65 g di carboidrati
  • 34 g di fibre
  • 2,4 g di zuccheri
  • 632 mg di calcio
  • 12 mg di ferro
  • 259 mg di magnesio
  • 104 mg di fosforo
  • 1020 mg di potassio
  • 277 mg di sodio
  • 2,3 mg di zinco
  • 0,2 mg di vitamina C
  • 0,15 mg di Tiamina (vitamina B1)
  • 0,22 mg di Riboflavina (vitamina B2)
  • 1,5 mg di Niacina (vitamina B3 o vitamina PP)
  • 0, 39 mg di vitamina B6
  • 25 µg di vitamina B9 o acido folico
  • 160 µg di vitamina A retinolo eq.
  • 8,82 mg di vitamina E
  • 142 µg di vitamina K

I chiodi di garofano come arma contro diabete, colesterolo alto e tumori

Alcuni studi hanno dimostrato che i chiodi di garofano sono in grado di abbassare i livelli di zucchero nel sangue e tenere sotto controllo il diabete, inducendo un’attività nel corpo simile a quella dell’insulina, aiutando dunque a contrastare l’insulino-resistenza.
Uno studio giapponese ha scoperto che l’estratto ricavato dalla spezia ha ridotto i livelli di zucchero nel sangue in ratti diabetici.

Inoltre, secondo uno studio pubblicato dall’American Heart Association, i chiodi di garofano sono un valido alleato contro il colesterolo alto: si ritiene che l’aggiunta di polvere di questa spezia alla dieta quotidiana possa proteggere dagli effetti negativi dell’ipercolesterolemia.

Recenti studi suggeriscono anche che questa spezia possa essere utile nella lotta ai tumori: una ricerca condotta da studiosi cinesi e americani ha rilevato che l’estratto di chiodi di garofano riesce a bloccare la crescita tumorale. Questo composto riesce anche ad indurre la morte delle cellule malate per apoptosi. Simili risultati sono emersi da uno studio indiano: quantità concentrate di olio di chiodi di garofano hanno causato la morte delle cellule tumorali esofagee nell’80% dei casi.
Anche l’eugenolo presente nella spezia potrebbe avere proprietà antitumorali: uno studio condotto negli Emirati Arabi ha scoperto che è in grado di bloccare le cellule malate del tumore cervicale.

Come consumare i chiodi di garofano?

I chiodi di garofano possono essere impiegati per aromatizzare dolci, frutta cotta, panpepati, biscotti e vini. Sono un ottimo accompagnamento per la carne, specie nella preparazione di arrosti, stufati e spezzatini; aromatizzano alcune ortaggi come le cipolle e le carote. Allo stesso modo, due o tre chiodi di garofano possono donare un sapore ricco e intenso a tè e infusi. I chiodi di garofano sono spesso abbinati ad altre spezie, come la cannella, la noce moscata e lo zenzero.

I chiodi di garofano in cucina

In cucina, i chiodi di garofano sono ottimi aggiunti alla frutta cotta al forno, mele o pere, conferendo al dolce della frutta una tonalità calda e piena. Il loro utilizzo più famoso è quello nel vin brulé, bevanda calda e ristoratrice nelle fredde serate o pomeriggi invernali. I chiodi di garofano, inoltre, si sposano bene con carne, selvaggina, bolliti, arrosti di vario genere e verdure riposte in conserva sott’olio.

L’olio di chiodi di garofano e gli utilizzi alternativi

L’olio di chiodi di garofano ha proprietà disinfettanti e analgesiche del cavo orale e delle prime vie respiratorie, rivelandosi un ottimo rimedio naturale per le affezioni della bocca, spesso abbinato alla maggiorana. Combinato al decotto di cannella, è utilissimo contro le affezioni invernali, per via delle sue proprietà antisettiche, allevia il mal di denti provocato dalla carie grazie alla sua attività analgesica, è usato con successo come espettorante nei disturbi bronchiali.

L’infuso di pianta fresca ha attività astringente; l’estratto idroalcolico di chiodi di garofano essiccati è efficace nella protezione delle ossa contro l’osteoporosi; l’olio essenziale, inoltre, rappresentava un ingrediente basilare di collutori e paste dentifricie, l’infuso di chiodi di garofano ha un effetto positivo su nausea ed altri disturbi intestinali, la tintura di chiodi di garofano è utile per sciacqui e gargarismi.

L’olio di chiodi di garofano mescolato con gli oli di cannella, arancia, noce moscata o vaniglia, dona un profumo caratteristico agli ambienti: la loro miscela, per avere un maggior effetto, può essere aggiunta ad un evaporatore.

Per ottenere un ottimo antitarme naturale profumante, “infilzate” un mandarino o un’arancia, ricoprendolo completamente con le testine dei chiodi, e posizionatelo negli armadi, nei cassetti, in cucina e nelle stanze della vostra casa. I chiodi di garofano, messi in una ciotola dentro alla credenza, allontaneranno le farfalline che deteriorano pasta e alimenti simili. Mettendo 5 o 6 chiodi di garofano in vasi di vetro, contenitori di plastica o borse termiche non utilizzate per un po’ di tempo, avremo contenitori sempre profumati. Per tenere lontane le mosche da una stanza, conficcate sulla superficie di mezzo limone numerosi chiodi di garofano, fino a coprirlo completamente.


Si tenga presente che le informazioni presenti in questa pagina sono di natura generale e a scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun caso il parere del medico, il primo punto di riferimento a cui ricorrere per avere informazioni, chiarimenti, e a cui affidarsi per consigli o esami.