La NASA chiede aiuto “al cielo”: arruolati 24 teologi per valutare come il mondo reagirebbe alla scoperta della vita aliena

La NASA sta arruolando 24 teologi per partecipare al suo programma presso il Center for Theological Inquiry: l'obiettivo è comprendere come reagirebbe l'umanità alla scoperta della vita aliena

MeteoWeb

La NASA sta cercando “aiuto nei cieli” per valutare come reagiranno gli umani se venisse trovata vita aliena su altri pianeti e come la scoperta potrebbe avere un impatto sulle nostre idee sugli dei e sulla creazione. L’agenzia spaziale americana sta arruolando 24 teologi per partecipare al suo programma presso il Center for Theological Inquiry (CTI) dell’Università di Princeton nel New Jersey, a cui la NASA ha concesso una sovvenzione di 1,1 milioni di dollari nel 2014.

L’obiettivo del CTI è costruire “ponti di comprensione convocando teologi, scienziati, studiosi e responsabili politici per pensare insieme – e informare il pensiero pubblico – sulle preoccupazioni globali”. Il programma mira a rispondere a domande come: cos’è la vita? Cosa significa essere vivi? Dove tracciamo il confine tra l’umano e l’alieno? Quali sono le possibilità per la vita senziente in altri luoghi?

Ora che la NASA ha due rover su Marte, diverse sonde in orbita attorno a Giove e Saturno e con il telescopio James Webb lanciato nel giorno di Natale che studierà la formazione di galassie, stelle e pianeti nell’universo, sembra che l’agenzia sia fiduciosa di essere sulla strada giusta per la scoperta della vita al di fuori della Terra.

Il reverendo Andrew Davison, sacerdote e teologo dell’Università di Cambridge con un dottorato in biochimica a Oxford, fa parte dei 24 teologi arruolati dalla NASA. “Le tradizioni religiose sarebbero una caratteristica importante nel modo in cui l’umanità affronterebbe le conferma della vita altrove“, ha scritto Davison in un post sul blog sul sito dell’Università di Cambridge. “Per questo motivo, fa parte dell’obiettivo della NASA sostenere il lavoro sulle ‘implicazioni sociali dell’astrobiologia’, lavorando con varie organizzazioni partner, incluso il Center of Theological Inquiry a Princeton”.

Davison pubblicherà un libro il prossimo anno, intitolato Astrobiology and Christian Doctrine, in cui afferma che crede che ci stiamo avvicinando a trovare la vita su altri pianeti. Il libro di Davison osserva: “i risultati principali sono che i seguaci di una serie di tradizioni religiose riferiscono di poter accettare l’idea senza problemi”.

Studi e sondaggi hanno dimostrato che i cristiani statunitensi hanno meno probabilità di credere che la vita esista su altri pianeti, ma Davison non è l’unico “credente” che pensa che l’idea degli extraterrestri sia possibile. Duilia de Mello, astronoma e professoressa di fisica all’Università Cattolica, ha affermato di avere diversi seminaristi nelle sue classi che spesso sollevano domande teoriche sulla vita intelligente nell’universo. “Se siamo i prodotti della creazione, perché la vita non potrebbe evolversi anche in altri pianeti? Non c’è niente che dica il contrario”, ha detto de Mello al Washington Post ad agosto.

Davison ha affermato che i teologi hanno riflettuto sulla questione se i poteri di Dio avrebbero potuto estendersi alla creazione della vita oltre la Terra almeno dal Medioevo e non sono troppo turbati dall’idea. Da quasi 25 anni, il dipartimento di “astrobiologia” della NASA ha cercato nuove risposte a queste domande.

Secondo Carl Pilcher, che è stato a capo dell’Astrobiology Institute della NASA fino al 2016, l’agenzia spaziale voleva “considerare le implicazioni dell’applicazione degli strumenti della scienza della fine del XX secolo e dell’inizio del XXI a questioni che erano state considerate nelle tradizioni religiose per centinaia o addirittura migliaia di anni”. Ha aggiunto che la NASA stava “dando maggiore enfasi a questioni che prima del XX secolo erano state in gran parte appannaggio della filosofia, della teologia e della religione“.

Pilcher ha dichiarato: “è quasi certo che la vita esista altrove rispetto alla Terra. È inconcepibile per quasi tutti in questo campo che, nella storia dell’universo, la vita sia esistita solo su questa piccola palla di roccia attorno a una stella di media grandezza in questo unico posto. È semplicemente inconcepibile quando ci sono oltre 100 miliardi di stelle in questa galassia e oltre 100 miliardi di galassie nell’universo”.