Allerta Meteo della Protezione Civile, rapido peggioramento: neve a quote basse al Centro dalla tarda serata – MAPPE e BOLLETTINI

Allerta Meteo della Protezione Civile: un veloce peggioramento porterà nevicate a quote anche molto basse, seguite da un deciso miglioramento a partire già dalla mattinata di domani.

MeteoWeb

Un minimo in quota, in arrivo dall’Europa orientale, dalla tarda serata di oggi, raggiungera’ le regioni centrali adriatiche per poi estendersi a quelle tirreniche, determinando un veloce ma breve peggioramento, con nevicate a quote anche molto basse, seguite da un deciso miglioramento a partire gia’ dalla mattinata di domani.

Sulla base delle previsioni meteo, il Dipartimento della Protezione Civile che ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse.

Dalla tarda serata di oggi si prevedono nevicate al di sopra dei 200-400 metri sull’Abruzzo e dei 300-500 metri sul Molise, con locali sconfinamenti alle quote piu’ basse e apporti al suolo da deboli a moderati. Dalle prime ore di domani si prevedono, inoltre, nevicate al di sopra dei 300-500 metri sul Lazio centro-meridionale, con locali sconfinamenti fino ai 200 metri sulle zone interne meridionali e apporti al suolo da deboli a moderati.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto per domani e’ stata valutata allerta gialla su parte di Sicilia e Abruzzo.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale per l’11 gennaio 2022

Precipitazioni: 

– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul versante ionico centro-settentrionale della Calabria e sul settore tirrenico della Sicilia, con quantitativi cumulati deboli;

– sparse dalla serata, anche a carattere di rovescio o temporale, sulle Marche e sui versanti orientali di Abruzzo e Molise, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate:

– ai di sopra dei 1000-1200 m sul versante ionico della Sila e dei 1200-1400 m sui rilievi della Sicilia settentrionale, con apporti al suolo deboli.

– dalla serata al di sopra dei 200-400 m su Marche e versanti orientali di Abruzzo e Molise, con possibili sconfinamenti a quote inferiori dalla tarda serata, con apporti al suolo deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: nessun fenomeno significativo.

Venti: da forti a burrasca dai quadranti settentrionali su Liguria, Appennino settentrionale, alto versante adriatico e regioni centro-meridionali, con rinforzi di burrasca forte su Puglia meridionale, settori ionici della Calabria centro-settentrionale, coste orientali della Sardegna, Golfo di Trieste e lungo tutti i crinali appenninici e sui rilievi delle isole maggiori, fino a tempesta sui crinali dell’Appennino tosco-romagnolo e umbro-marchigiano.

Mari: agitati il Mare ed il Canale di Sardegna, il Tirreno centrale al largo e a ridosso della Sardegna, il Tirreno meridionale settore ovest, lo Stretto di Sicilia e lo Ionio; molto mossi i restanti bacini, fino a localmente agitato l’Adriatico.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale per il 12 gennaio 2022

Precipitazioni: 

– sparse fra la nottata e il primo mattino, anche a carattere di rovescio o temporale, su Marche, Umbria orientale, Abruzzo, Lazio centro-meridionale e nord-orientale, Molise, Campania centro-settentrionale e Puglia settentrionale, con quantitativi cumulati deboli;

– isolate, tendenti a sparse nella seconda parte della giornata con fenomeni anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia e localmente sulla Sardegna sud-orientale, con quantitativi cumulati deboli.

Nevicate:

– al di sopra dei 200-400 m su Umbria orientale, Marche e Abruzzo con apporti al suolo moderati, e possibili sconfinamenti a quote inferiori sui settori marchigiani e abruzzesi, con apporti al suolo deboli;

– al di sopra dei 300-500 m su Lazio centro-meridionale e nord-orientale e sul Molise, con possibili sconfinamenti fino ai 200 m sulle zone interne meridionali del Lazio e sul Molise, con apporti al suolo moderati sui settori meridionali del Lazio e sul Molise, deboli sulle restanti zone;

– al di sopra dei 400-600 m su Campania orientale e Puglia settentrionale, con apporti al suolo da deboli a moderati.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime da basse a localmente molto basse al Nord, basse nelle zone pianeggianti interne e vallive del Centro.

Venti: forti nord-orientali sull’Appennino settentrionale, sulle coste del Friuli Venezia Giulia e sulle regioni centro-meridionali della penisola, con rinforzi di burrasca su coste e arcipelago della Toscana, sul Lazio centro-settentrionale e sui settori ionici della Calabria, da burrasca a burrasca forte sulle coste orientali della Sardegna e sui crinali dell’Appennino centro-settentrionale, fino a tempesta su quello toscano, emiliano-romagnolo e umbro-marchigiano; localmente forti settentrionali sulla Liguria.

Mari: agitati i settori ovest del Tirreno centro-meridionale, il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia e lo Ionio, molto mossi i restanti mari, fino a localmente agitato l’Adriatico settentrionale e meridionale.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale per il 13 gennaio 2022

Precipitazioni: isolate a carattere residuo nella prima parte della giornata sulla Sicilia centro-occidentale, con quantitativi cumulati deboli;

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: minime da basse a localmente molto basse al Nord, basse al Centro e nelle zone pianeggianti interne e vallive del Sud.

Venti: forti nord-orientali su Puglia meridionale, settori ionici di Calabria e Sicilia e localmente su Toscana, Campania e Sardegna settentrionale; da burrasca a burrasca forte nord-orientali lungo i crinali dell’Appennino settentrionale e umbro-marchigiano, tendenti ad attenuazione a fine giornata.

Mari: molto mossi i bacini centro-meridionali, il Mar Ligure settore di Ponente al largo e l’Adriatico settentrionale, fino a localmente agitato lo Ionio a ridosso delle coste calabresi meridionali e di quelle siciliane.

Per monitorare la situazione meteo, ecco le migliori pagine del nowcasting: