USA ed Europa unite da uno stesso destino: aumentano i morti tra i giovani e la causa non è il Covid – VIDEO

Muoiono soprattutto "le persone in età lavorativa, fra i 18 e i 64 anni. E' una catastrofe di quelle che avvengono una volta ogni 200 anni"

MeteoWeb

Scott Davidson, Ceo della compagnia assicurativa OneAmerica, ha diffuso un video (in calce all’articolo) che parla di dati allarmanti in merito alla mortalità negli Usa. OneAmerica è una società che si occupa di polizze vita che presta particolare attenzione alle analisi relative al numero di decessi e alle varie fasce d’età. “I tassi di mortalità attuali sono i più alti mai visti nella storia di questo settore, e non solo alla OneAmerica”, ha riferito Davidson.

Secondo Davidson muoiono soprattutto “le persone in età lavorativa, fra i 18 e i 64 anni. Tanto per darvi un’idea di quanto questo sia grave, è catalogata come una catastrofe da ‘tre sigma’, ossia una di quelle che avvengono una volta ogni 200 anni e comporterebbe un aumento del 10% rispetto al valore pre-pandemia, per cui il 40% è un valore inaudito”. La causa di questo picco di mortalità non è di certo la normalità e la causa non è il Covid. “Quello che ci dicono i dati è che le morti che vengono segnalate come da Covid sottostimano di gran lunga i decessi tra le persone in età lavorativa durante la pandemia. Sul loro certificato di morte non è scritto Covid nella maggioranza dei casi, ma i morti sono aumentati in numero enorme”, ha riferito Scott Davidson.

L’Europa

E anche in Europa la situazione non è differente. Sul punto hanno scritto Paolo Becchi e Giovanni Zibordi, su nicolaporro.it. Secondo i dati dei morti totali dell’Osservatorio Europeo sulla Mortalità (EuroMoMo) i giovani muoiono quest’anno di più e non per Covid, come negli USA.

Sono ormai mesi che l’Osservatorio Europeo, che da decenni raccoglie e pubblica i dati dei decessi totali (per tutte le cause) mostra come in Europa non ci sono mai stati tanti morti sotto i 64 anni come nel 2021“, scrivono Becchi e Zibordi.

Per i giovani e per la popolazione che lavora e non è pensionata, da 14 a 64 anni, nel 2021 la mortalità è a livelli record e cumulativamente si tratta di circa 20mila decessi in più rispetto al 2020 e oltre 31 mila rispetto al 2019. Il grafico di EuroMomo (in basso) mostra i morti totali, per tutte le cause non quelli solo Covid-19, per la fascia di età fino ai 44 anni che sono circa 2.200 in più rispetto all’anno scorso e quelli fino a 64 anni che sono 20mila in più, precisano gli autori.

Questo fenomeno di mortalità in eccesso nel 2021 rispetto persino al 2020 non si verifica, invece, sopra i 64 anni. Se si controlla sempre sul sito di Euromomo, da 65 a 74 anni la mortalità è invariata rispetto all’anno scorso, sopra i 74 anni invece la mortalità totale è scesa di oltre 40mila nel 2021 rispetto al 2020.