Chi sono Alberto Angela e Alessandro Barbero, tra i nomi “insoliti” per il Quirinale

Nel secondo scrutinio per l'elezione del Presidente della Repubblica, alcuni voti sono andati anche ad Alberto Angela e Alessandro Barbero

MeteoWeb

Nel secondo scrutinio per l’elezione del Presidente della Repubblica, oggi tre voti sono andati ad Alberto Angela, che ieri ne aveva ricevuto due. Alberto Angela è un noto paleontologo, divulgatore scientifico, conduttore televisivo, giornalista e scrittore italiano.

Nato a Parigi l’8 aprile 1962, Alberto Angela è figlio d’arte di Piero Angela, che accompagnò fin da bambino in molti dei suoi viaggi, appassionandosi a lingue straniere, storie e culture lontane. Dopo aver brillantemente approfondito i suoi studi in varie università americane (tra queste, Harvard e Columbia), si dedica per molti anni alla paleoantropologia, svolgendo per oltre 10 anni attività di scavo e di ricerca di resti fossili di antenati dell’uomo. “Sarei potuto diventare forse un archeologo famoso quando in Tanzania e in Congo trovai due pezzi molti importanti, tra cui un cranio di due milioni di anni fa. All’aeroporto però rubarono una borsa, era quella con i reperti che avevo trovato, e la storia finì lì. Poi è iniziata quella come divulgatore tv“, ha raccontato anni fa Angela.

Oltre alla sua attività di studioso, infatti, è noto al grande pubblico per quella di conduttore e autore di programmi televisivi di successo, tra i quali Meraviglie – La penisola dei tesori, Ulisse – Il piacere della scoperta, Superquark e Passaggio a Nord Ovest.

Foto di Cesare Abbate / Ansa

Giornalista pubblicista e scrittore, ha collaborato con vari quotidiani e periodici. Parla correntemente italiano, inglese, francese e swahili. A lui è dedicata anche una rarissima specie marina (Prunum Albertoangelai) dei mari della Colombia e anche un asteroide (80652 Albertoangela).

Alberto Angela è sposato e ha tre figli: Riccardo, Edoardo e Alessandro.

Tra i suoi riconoscimenti, oltre a tantissimi premi come divulgatore scientifico, scrittore e conduttore, nel maggio 2019, l’Università degli Studi di Palermo gli ha conferito la Laurea Honoris Causa in “Comunicazione del Patrimonio Culturale”. Nel giugno 2019, ha ricevuto la Laurea ad honorem in Archeologia all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. “La laurea in Archeologia è il coronamento di una carriera iniziata proprio in queste terre, a Pompei. Questo riconoscimento va dato a chi ci segue in televisione e a chi passa anni a studiare per passione, senza vie sicure. Il dovere di questo Paese è forgiare nuove generazioni che continuino questo cammino culturale”, ha detto quel giorno Alberto Angela. Nel settembre 2019, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale gli ha conferito la Laurea magistrale honoris causa in Filosofia.

Voti anche per Alessandro Barbero

Foto di Tino Romano / Ansa

Nel secondo scrutinio per l’elezione del Presidente della Repubblica, due voti li ha ricevuti anche Alessandro Barbero. Nato a Torino il 30 aprile 1959, Barbero è uno storico, accademico e scrittore italiano, specializzato in storia del Medioevo e in storia militare. Laureatosi in Lettere nel 1981 con una tesi in Storia medievale presso l’Università degli Studi di Torino, nel 1984 consegue il dottorato alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Dal 1998 è primo professore associato e dal 2002 ordinario di Storia medievale al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro.

Negli ultimi anni, Barbero ha acquisito una notevole popolarità in rete grazie alle sue abilità di divulgatore in una serie di conferenze e lezioni su temi come il Medioevo, la storia greca e romana, le guerre napoleoniche, il Risorgimento, la prima e la seconda guerra mondiale e la Resistenza italiana. Queste conferenze e lezioni sono state caricate su YouTube, raccogliendo centinaia di migliaia di visualizzazioni.

Tra i suoi riconoscimenti, citiamo il Premio Le Goff ricevuto nel 2012 e il Premio Alassio per l’informazione culturale ricevuto nel 2018. Nel 2020 gli è stato assegnato il riconoscimento Testimone del tempo durante la 53ª edizione del Premio Acqui Storia.