Coronavirus, i DATI del monitoraggio settimanale: l’indice RT sale a 1,43, l’incidenza raddoppia a 1.669

Nuovo forte balzo dell'incidenza settimanale che raddoppia, passando da 783 a 1.669 casi per 100mila abitanti

MeteoWeb

Salgono ancora l’indice di trasmissibilità RT e l’incidenza dei casi Coronavirus in Italia: secondo quanto emerge dal monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute all’esame della cabina di regia, l’incidenza riferita a ieri 6 gennaio è infatti pari a 1.669 casi su 100mila abitanti e raddoppia rispetto al valore di 783 della scorsa settimana.
L’RT sale invece a 1,43 dal valore di 1,18 della settimana precedente.

Ancora in aumento l’occupazione dei posti letto nei reparti ordinari e nelle terapie intensive.
In aumento il tasso di occupazione in terapia intensiva: è al 15,4% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 6 gennaio) vs il 12,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 30 dicembre). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale – si spiega – sale al 21,6% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 6 gennaio) vs il 17,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 30 dicembre)“.

Dieci Regioni/PPAA sono classificate a rischio alto, di cui 3 a causa dell’impossibilità di valutazione, 11 Regioni/PPAA risultano classificate a rischio moderato secondo il DM del 30 aprile 2020. Tra queste, sei Regioni/PPAA sono ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 30 aprile 2020. Quasi tutte le Regioni/PPAA riportano almeno una singola allerta di resilienza. Dieci Regioni/PPAA riportano molteplici allerte di resilienza.
In forte aumento il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (309.903 vs 124.707 della settimana precedente). È in aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (50% vs 48%) e aumenta anche la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (34% vs 31%).