Covid, “superato il picco Omicron”: l’Irlanda riapre quasi tutto

Da domani, in Irlanda verranno rimosse quasi tutte le restrizioni legate alla pandemia: "abbiamo superato l'ondata di Omicron"

MeteoWeb

Superata l’ondata Omicron”, il governo irlandese ha messo fine a quasi tutte le restrizioni imposte per la pandemia da Covid. Da domani, non ci saranno piu’ limitazioni alla vita notturna, bar e ristoranti non saranno piu’ costretti a chiudere i battenti a mezzanotte, saranno revocate le misure di distanziamento sociale e le limitazioni agli incontri nelle case. Hotel, palestre e cinema o teatri non dovranno piu’ richiedere il certificato digitale Covid, che però sarà mantenuto per i viaggi internazionali.

Fino al 28 febbraio, resterà obbligatorio l’uso delle mascherine nei negozi, nelle scuole e sui mezzi pubblici.

Oggi e’ una buona giornata. Abbiamo superato l’ondata di Omicron, grazie al nostro sistema sanitario e a una campagna di vaccinazione esemplare in tutto il mondo“, ha osservato il Premier Micheal Martin. “Gli esseri umani sono esseri sociali e noi irlandesi lo siamo ancora di piu’ della maggior parte delle persone!“, ha scherzato. Il Primo Ministro ha avvertito che questi “cambiamenti porteranno probabilmente a un aumento temporaneo dei contagi a breve termine ma l’impatto di questo aumento sara’ limitato dall’entita’ della vaccinazione nella popolazione”.

Il Vicepremier, Leo Varadkar, ha azzardato che il governo avrebbe potuto essere “meno cauto” nell’eliminare le restrizioni, considerato che l’impatto dell’ondata di casi causata dall’Omicron non e’ stato peggiore di quello di una “brutta influenza stagionale”.

Con una popolazione di 5 milioni di persone, l’Irlanda ha vaccinato quasi il 90% delle persone di eta’ superiore ai 12 anni. Nelle ultime ventiquattr’ore sono stati registrati 6.597 casi nel Paese.