Covid: scoperto fattore di rischio genetico legato alla perdita di gusto e olfatto

La scoperta fornisce indizi sui meccanismi biologici alla base dei due sintomi più noti e comuni

MeteoWeb

Una ricerca pubblicata su Nature Genetics, condotta dagli scienziati dell’Albert Einstein College of Medicine, ha individuato la componente genetica legata al rischio di uno dei sintomi più comuni di SARS-CoV-2: UGT2A1/UGT2A2 è stata associata a un aumento dell’11% della possibilità di sviluppare la perdita di gusto e olfatto a seguito dell’infezione.
Il team, guidato da Adam Auton, ha esaminato i dati raccolti grazie a un sondaggio che ha coinvolto 69.841 persone (63% femmine; 37% maschi) di età superiore ai 18 anni, residenti negli Stati Uniti o nel Regno Unito.
Si è scoperto che un insieme di varianti situate vicino ai due geni UGT2A1 e UGT2A2 era legato a una probabilità dell’11% più elevata di sperimentare perdita dell’olfatto o del gusto in relazione all’infezione. I due geni codificano per enzimi che sono espressi nelle cellule che rivestono l’interno del naso e sono coinvolti nell’eliminazione degli odori.
La scoperta – hanno spiegato i ricercatori – fornisce indizi sui meccanismi biologici alla base dei due sintomi più noti e comuni, ma – è stato precisato – nonostante il campione di grandi dimensioni, il 63% della coorte era costituito da individui femminili e gran parte dei soggetti era di origine europea, per cui sarà necessario proseguire le indagini e approfondire le differenze individuali. Allo stesso tempo, hanno concluso gli esperti, sarà in seguito necessario distinguere tra perdita del gusto e dell’olfatto, che in questo studio sono stati accorpati.