In Calabria l’astronomia parla al femminile: pubblicati i risultati delle preselezioni delle olimpiadi nazionali

Le Olimpiadi Italiane di Astronomia sono promosse dal Ministero dell’Istruzione

MeteoWeb

Sono 149, tutti aspiranti astronomi, i ragazzi calabresi che, nella calza della Befana, hanno trovato l’ammissione alla seconda fase delle XX Olimpiadi Italiane di Astronomia.

La Fase di preselezione, svolta il 9 e 13 dicembre presso le scuole iscritte, consisteva in un questionario a risposta multipla comprendente 30 domande su età dell’Universo, Galassie, ammassi globulari, distribuite su tre livelli di difficoltà.

La sorpresa è arrivata dalle ragazze: sono 84 le studentesse che con i 65 ragazzi si contenderanno l’accesso alla finale nazionale che si svolgerà nei giorni 26-28 aprile 2022 presso l’Istituto Tecnico Tecnologico Statale “A. Volta” di Perugia.

La Gara Interregionale è prevista il 24 febbraio 2022 per gli Junior 1 e il 25 febbraio 2022 per Junior 2 e Senior.

In entrambi i giorni la Gara interregionale avrà inizio simultaneamente in tutte le sedi alle ore 10:30, avrà una durata di due ore e mezza e si svolgerà in modalità remota nelle scuole degli studenti ammessi.

Gli studenti si dovranno cimentare nella risoluzione di problemi di Astronomia, Astrofisica e Cosmologia elementare, argomenti non sempre previsti all’interno delle discipline curriculari.
Pertanto, per consentire ai giovani di affrontare la gara con serenità ed adeguata preparazione, il Planetario di Reggio Calabria, con i suoi esperti, offre il supporto didattico all’azione svolta dai docenti.

Le Olimpiadi Italiane di Astronomia sono promosse dal Ministero dell’Istruzione – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici, la Valutazione e l’internazionalizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione, ed affidate alla Società Astronomica Italiana (SAIt), che le organizza in sinergia con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).

I nominativi degli studenti ammessi con le rispettive scuole di appartenenza possono essere visionati sul sito www.planetariumpythagoras.com.