La devastazione di Tonga dopo l’eruzione del vulcano: 400.000 fulmini registrati nelle 12 ore successive

I satelliti hanno catturato la massiccia eruzione di Tonga: tra gli effetti osservati dagli scienziati c'erano circa 400.000 fulmini

MeteoWeb

Dopo la potente eruzione vulcanica sottomarina nei pressi della nazione insulare di Tonga, i primi rapporti hanno fornito un’indicazione dell’estensione della potenza distruttiva dell’evento. Tonga,  arcipelago nell’Oceano Pacifico, si trova a sole 40 miglia dal vulcano e poco più di 1.000 miglia al largo della costa della Nuova Zelanda.

Lunedì e martedì, la Royal New Zealand Defence Force e l’Australian Defence Force hanno inviato voli di ricognizione, rifornimenti di aerei e navi per aiutare con la valutazione dei danni e la risposta umanitaria.

La mappa qui sotto incorpora i rapporti iniziali del governo di Tonga , che hanno dettagliato la morte e i danni dopo che l’eruzione ha innescato uno tsunami che ha colpito la nazione e lanciato un pennacchio di cenere per migliaia di piedi in aria, ricoprendo le isole.

I satelliti hanno catturato la massiccia eruzione. Tra i molti effetti osservati dagli scienziati c’erano circa 400.000 fulmini registrati nelle 12 ore successive all’eruzione.