Meteo USA, la tempesta invernale diventa mortale: fino a 71cm di neve in Ohio e venti di 110km/h sulla costa, oltre 200.000 persone senza elettricità – FOTO

Una potente tempesta invernale ha investito la metà orientale degli USA, portando grandi quantità di neve, ghiaccio e forti venti: si segnalano vittime, centinaia di incidenti stradali e centinaia di migliaia di persone rimaste senza elettricità

/
MeteoWeb

L’intensa tempesta invernale, che sta colpendo molte zone della metà orientale degli Stati Uniti, è diventata mortale, dopo aver creato il caos sulle strade, provocando centinaia di incidenti e lasciando centinaia di migliaia di persone senza corrente elettrica.

La tempesta è iniziata prima del weekend 15-16 gennaio nel Midwest. L’aeroporto internazionale di Des Moines ha ricevuto 36,3cm di neve mentre le aree circostanti dell’Iowa hanno ricevuto almeno 30cm di neve. Secondo il Dipartimento dei trasporti del Minnesota, la mattina del 15 gennaio si sono verificati numerosi incidenti sull’Interstate 35 e molti altri veicoli sono andati in testacoda o si sono fermati a causa della tempesta di neve che ha creato condizioni di guida pericolose sulle strade.

All’inizio del fine settimana, in Arkansas è stata segnalata una forte nevicata, con diverse aree dello stato che hanno registrato circa 13cm di neve. Sebbene non si sia accumulata neve, sono stati registrati leggeri fiocchi di neve fino a Dallas, in Texas. Il totale delle nevicate più alte è stato registrato a Valley Springs, in Arkansas, con un totale di 35,5cm di neve. Altre aree del sud hanno registrato oltre 30cm di neve, tra cui East Flats, nella Carolina del Nord. Leesburg, Mississippi, ha registrato 23cm di neve, mentre Clarksville, in Georgia, ha registrato 14,2cm.

Anche se durante l’ondata di maltempo sono caduti fiocchi di neve nell’area di Atlanta, non sono stati abbastanza da essere considerata neve misurabile e porre così fine alla serie senza neve dell’area. Alcuni fiocchi di neve sono caduti in città, così come fuori città, ma senza accumulo. Non cade neve misurabile ad Atlanta da 1.460 giorni, che costituiscono la seconda serie più lunga mai registrata. Se la città arrivasse al 4 febbraio senza accumulare neve, stabilirebbe un nuovo record per la serie più lunga senza neve misurabile.

Mentre neve, nevischio e pioggia gelata sono state le maggiori preoccupazioni in tutto il Sud-Est degli USA, domenica 16 gennaio in Florida a creare danni sono stati i tornado. Tre persone sono rimaste ferite quando un tornado EF2 è atterrato vicino a Fort Myers. Il tornado ha generato velocità del vento fino a 190km/h. Più di 100 case sono state danneggiate quando il tornado ha seguito una traiettoria lungo 1,9km. Secondo il Servizio Meteorologico Nazionale (NWS), nella giornata di domenica numerosi tornado si sono sviluppati anche sulla costa opposta nel sud-est della Florida.

Mentre la tempesta invernale continuava a produrre neve e ghiaccio, si moltiplicavano blackout, cancellazioni di voli aerei e incidenti. Nella Carolina del Nord, le autorità hanno affermato che la tempesta ha avuto un ruolo nella morte di due persone in un incidente domenica 16 gennaio, secondo quanto riportato da NBC News. Un veicolo con due persone a bordo è uscito di strada sull’Interstate 95 e ha colpito alcuni alberi: sia il conducente che il passeggero sono morti sul colpo.

Sempre nella Carolina del Nord, a causa delle strade ghiacciate, un autoarticolato è scivolato fuori dal ponte dell’autostrada 147 a Durham, lasciando il mezzo appeso al cavalcavia: il conducente è stato portato in ospedale e dovrebbe essere in buone condizioni.

La tempesta ha influenzato non solo il traffico stradale, ma anche quello aereo. Oltre 1.220 voli in entrata e in uscita dall’aeroporto internazionale Charlotte Douglas della Carolina del Nord sono stati cancellati domenica, rappresentando il 95% dei voli in partenza da Charlotte e il 92% dei voli in arrivo quel giorno. I problemi del traffico aereo sono continuati fino a lunedì 17, anche se in misura minore. Circa un terzo dei voli programmati per partire da Charlotte sono stati cancellati, così come il 29% dei voli programmati per arrivare a Queen City. Con arrivi e partenze combinate, lunedì sono stati cancellati circa 430 voli all’aeroporto internazionale di Charlotte Douglas.

Più di 200.000 persone sono rimaste senza elettricità negli Stati Uniti orientali. Sia la Carolina del Nord che quella del Sud sono in cima alla lista per il maggior numero di interruzioni di corrente, con entrambi gli stati che segnalano oltre 31.000 clienti senza servizio. Entro la sera di lunedì 17 gennaio, la corrente era stata ripristinata in numerose località.

Mentre la tempesta si spostava verso nord in Virginia, la polizia ha risposto a 482 incidenti e altri 486 veicoli in panne, secondo la Virginia State Police. Non sono state segnalate vittime a causa degli incidenti stradali.

Durante la notte da domenica a lunedì, la tempesta si è spostata nel nord-est scaricando oltre 30cm di neve in alcune aree. La tempesta invernale, combinata con la neve effetto lago, ha scaricato 71cm di neve ad Ashtabula, Ohio, e 57cm ad Harpersfield, Ohio.

Altri importanti quantitativi totali di neve sono emersi dal Nord-Est interno: 41cm sono stati registrati a Buffalo, New York (quasi raddoppiato il vecchio record giornaliero di 21cm stabilito nel 1958). Kenmore, New York, ha registrato un totale di 57,9cm. Proprio vicino al confine di stato tra Ohio e Pennsylvania, Cherry Hill, in Pennsylvania, è arrivata a 40,6cm di neve e Deerfield, nel New Hampshire, a 22,8cm. A Moon, in Pennsylvania, sono caduti 23cm di neve mentre una quantità sorprendente di neve è caduta ad Harborcreek, sempre in Pennsylvania, con un totale di 55,9cm.

Le aree costiere come Long Island, la costa del Connecticut e il Rhode Island si trovavano sul lato umido e ventoso della tempesta e per questo, hanno ricevuto principalmente pioggia e forte vento. Molte città costiere hanno avuto allagamenti stradali poiché l’alta marea ha coinciso con i forti venti. Il Captree State Park, sulla costa meridionale di Long Island, ha registrato raffiche di vento di 111km/h. Una velocità del vento di 105km/h è stata registrata a Narragansett, nel Rhode Island, mentre Norwalk, nel Connecticut, ha registrato venti di 100km/h.

Il Mount Washington Observatory è noto per le sue condizioni meteorologiche estreme. Con questa tempesta di neve, le condizioni in cima alla montagna alta 1.916 metri nel New Hampshire erano simili a quelle di blizzard con venti fino a 225km/h.