Molti adulti non hanno percezione del proprio peso e della propria massa corporea, gli uomini si sottostimano più delle donne

La maggior parte degli adulti percepisce in maniera errata le dimensioni del proprio corpo, spesso sottostimandole

MeteoWeb

Secondo un recente studio condotto in Polonia e pubblicato su Scientific Reports, su 744 adulti, meno di due terzi  può stimare correttamente il proprio indice di massa corporea (BMI) e meno della metà è in grado di identificare la propria dimensione corporea.

Il ricercatore Wojciech Gruszka e colleghi hanno calcolato il BMI di un gruppo di adulti tra il 2010 e il 2011 e lo hanno confrontato con le stime fatte dagli stessi partecipanti sul proprio BMI e sulla dimensione corporea. I partecipanti, che avevano in media 36 anni e di cui il 60,7% erano donne, hanno anche riferito quanto fossero soddisfatti del proprio corpo. In base a quanto emerso, 21 partecipanti avevano un BMI sottopeso (inferiore a 18,5 kg/m2), 326 avevano un BMI sano (tra 18,5 e 24,9 kg/m2), 221 avevano un BMI sovrappeso (tra 25,0 e 29,9 kg/m2) e 176 avevano un BMI obeso ( superiore a 30,0 kg/m2).

Gli autori dello studio hanno scoperto che il 63,5% dei partecipanti stimava correttamente il proprio BMI e il 49,5% stimava correttamente la propria dimensione corporea. Hanno anche scoperto che i partecipanti spesso sottovalutavano il proprio BMI e le dimensioni corporee. Il 17,6% di quelli con un BMI sano ha stimato di avere un BMI sottopeso, il 14,3% di quelli con un BMI sovrappeso ha stimato di avere un BMI sano e il 41,6% di quelli con un BMI obeso ha stimato di avere un BMI sovrappeso. Il 39,8% di quelli con una taglia corporea sana ha stimato che la propria taglia corporea era sottopeso, il 35,7% di quelli con una taglia corporea in sovrappeso ha stimato di avere una taglia corporea sana e il 49,9% di quelli con una taglia corporea obesa ha stimato che la loro taglia corporea era sovrappeso. Solo un quarto (25,4%) dei partecipanti ha riferito di essere soddisfatto della propria corporatura attuale e il 65,7% ha riferito di volere che il proprio corpo fosse più piccolo. Gli uomini erano significativamente più propensi delle donne a sottovalutare il proprio BMI e le dimensioni corporee, e ad essere soddisfatti delle proprie dimensioni corporee.

In base a queste evidenze, gli autori suggeriscono che “la crescente prevalenza dell’obesità e lo stigma ad essa associato possono rendere gli adulti più propensi a sottostimare il proprio BMI e le dimensioni corporee. Saranno ora necessarie ulteriori ricerche per indagare se gli interventi psicologici che affrontano le percezioni delle dimensioni corporee potrebbero aiutare le persone a gestire meglio il proprio peso“, aggiungono gli autori, secondo i quali, dunque, le erronee percezioni che gran parte delle persone hanno del proprio corpo potrebbero inficiare la riuscita di percorsi di dimagrimento.