Morte David Sassoli, per alcuni no-vax è colpa del vaccino ma gli amici chiariscono: “Aveva subito un trapianto di midollo. Che Dio vi perdoni”

David Sassoli dieci anni fa aveva subito un trapianto di midollo a seguito di un mieloma, tumore delle plasmacellule: i vaccini con la sua morte non centrano nulla

MeteoWeb

Un’informazione per i miserabili no-vax che stanno speculando sulla scomparsa di David Sassoli. Sassoli dieci anni fa aveva subito un trapianto di midollo a seguito di un mieloma, tumore delle plasmacellule. Che un Dio, se c’è, non vi perdoni”. David Carretta, giornalista e amico del presidente del Parlamento europeo morto la scorsa notte ha voluto così mettere fine alle ignobili speculazioni circolate a causa di una fetta di no-vax in merito alla morte di David Sassoli. Le teorie complottiste, come di consueto, circolano sulla chat Telegram ‘Basta dittatura’, dove il decesso – secondo le fantasie degli utenti – viene collegato alle complicazioni del vaccino anti-Covid: “Luc Montagnier l’aveva previsto un anno fa“, scrive un utente. “È morto David Sassoli, avrà esagerato con le dosi“, scrive il gestore della pagina. “È un massone che ha promosso questa inoculazione senza efficacia, anzi con efficacia negativa scaduto l’effetto dei booster“, gli risponde Paolo Minimo. “Sassoli era un massone invischiato con i poteri forti“, è la teoria complottista che va per la maggiore nella chat, circostanza però che non lo ha salvato dal “vaccino malefico“. Non come Speranza che invece “si è iniettato soluzione fisiologica come una parte dei politici”, stando ai complotti assurdi di questi no-vas estremisti che di certo non aiutano la causa della libertà di scelta in materia di vaccini. Nella chat c’è anche chi prova a fare chiarezza postando un articolo di Open in cui si parla della malattia di cui soffriva Sassoli. Ma “l’inganno” è subito svelato dall’utente furbo della situazione, tale T5i60I0tt0Ipm0CI che scrive “Open=Soros=fake news, comunque vabbè“.

La libertà di scelta in tema di vaccini e legittima, ma leggere i tweet, i post e i commenti contro David Sassoli, con insulti e derisioni bassi e beceri, è a dir poco vomitevole. C’è una fetta di no-vax, quelli senza cognizione e che parlano solo per partito preso, che sono un grande ostacolo per una libertà che, in fondo, è insita in ognuno di noi. E non aiutano la loro stessa causa. Anzi.

E’ assodato che nella morte di Sassoli i vaccini non c’entrano nulla. E’ ora di mettersi l’anima in pace, con buona pace di pro o no-vax: ci si ammala e si muore a prescindere da Covid e vaccini. La pandemia sta finendo e col senno del poi nessuno avrà giustificazioni che tengano per la crudeltà e l’odio sparso in ogni dove.