Previsioni Meteo, verso un weekend invernale: conferme per un crollo termico, fino a 8/10°C sotto media

Previsioni Meteo: fine settimana prossimo invernale su molte regioni, per l'influenza di un vortice freddo in transito sull'Est Europa. Probabilmente l'irruzione più fredda sino a ora in questo inverno. Le ultimissime

MeteoWeb

Stiamo monitorando quotidianamente, nelle nostre previsioni sul medio periodo, la tendenza per il prossimo fine settimana. Si annuncia, infatti, come già evidenziato i nostri precedenti approfondimenti, una sensibile irruzione di aria fredda legata a un cavo depressionario di matrice artica-scandinava che punterebbe direttamente l’Europa orientale, ma che potrebbe influire anche in maniera sostanziosa, soprattutto in termini termici, su diverse nostre regioni. Il cavo freddo inizierebbe a incidere in maniera più determinata verso il Mediterraneo centrale e l’Italia, a iniziare da venerdì 21 quando, stando ad alcune simulazioni del modello europeo, isoterme già piuttosto fredde, nell’ordine di -4/-5/-7°C a 1500 m circa, potrebbero irrompere su buona parte del Nord Italia e sul medio-alto Adriatico, fino a valori, alla medesima quota, di -8/-9°C sui settori alpini. Via via nel corso di venerdì, isoterme sempre più fredde si spingerebbero anche più a Sud, specie verso il medio-basso Adriatico, con valori che entro la mezzanotte su sabato potrebbero raggiungere -7/-8°C sulle coste tra Abruzzo e Puglia.

Molto freddo anche per la giornata di sabato 22, di più sul medio-basso Adriatico, dove andrebbero concentrandosi le isoterme più pungenti, ancora mediamente comprese tra -5 e -8° a 1500 m. Sempre molto freddo, per domenica 23, ma di più sulla Puglia, ancora con isoterma sui -6/-7°C, leggermente meno altrove. Insomma, 48/60 ore con freddo importante, così come prospettato, che mai si è avuto, fino a ora, in questa prima parte di stagione invernale. Naturalmente si tratta di un freddo ancora nelle simulazioni, nessuna certezza, tant’è che da qui a 4/5 giorni possono ancora cambiare le dinamiche e, di conseguenza, anche le termiche. Tuttavia, a indicare il calo termico sostanzioso sono dati ensemble di entrambi i maggiori modelli mondiali, per cui una certa credibilità va loro data. Va rilevato che se c’è abbastanza probabilità che avvenga un’irruzione fredda importante, molte sono ancora le incertezze in riferimento alle precipitazioni associate. Nelle simulazioni, infatti, non si rilevano minimi depressionari significativi legati all’irruzione fredda, perlomeno sui nostri mari, per cui eventuali precipitazioni sarebbero da Stau, ossia per impatto di umidità marittima, prelevata dalle correnti nel transito sui nostri mari centro-meridionali, verso i rilievi esposti e perlopiù, quindi, per condensazione orografica. Difficile stimare, specie poi a una distanza ancora importante, la quantità e le aree più esposte. Con buona probabilità, invece, lì dove accadrebbero le precipitazioni soprattutto tra Abruzzo, Molise, Puglia, Campania centro orientale e Lucania, i fiocchi potrebbero spingersi fino in pianura e localmente anche sulle coste. Naturalmente possibilità di nevicate fino in valle sui settori alpini, soprattutto centro-orientali. La redazione di MeteoWeb continuerà a monitorare l’evoluzione del tempo per il prossimo fine settimana, attraverso quotidiani aggiornamenti.