Previsioni Meteo, l’inverno va in pausa: torna l’anticiclone sull’Italia

Previsioni Meteo: ecco quando con più consistenza e fino a quando durerà

MeteoWeb

Abbiamo evidenziato in nostre precedenti previsioni meteo come la fase stagionale in corso sia caratterizzata dalla presenza essenzialmente di due figure bariche: l’alta pressione subtropicale e una saccatura fredda artica o sub-polare. Questi sono i due protagonisti sullo scacchiere europeo e anche mediterraneo e sostanzialmente sono quelli che decidono le sorti del tempo avvicinandosi, grazie alle caratteristiche anticicloniche piuttosto dinamiche e non statiche. Dunque, è oramai in fase terminale l’azione sub-polare che ha interessato l’Italia negli ultimi giorni con ultimi fastidi, oggi, tra le due isole maggiori e il Sud, ma poi via via in evoluzione verso lo Jonio e il Nord Africa e, quindi, con l’alta pressione che tornerà protagonista. Ma per quanto tempo lo farà? Stando ai nostri dati, si fortificherà a iniziare da venerdì prossimo, benché sul medio-alto Tirreno e al Nord si stia proponendo già ben strutturato, per poi divenire più esteso e in grado di proteggere tutta l’Italia nel fine settimana e probabilmente anche per lunedì 17 prossimo. Ci sarebbero anche possibilità che il periodo anticiclonico si protragga ancora per qualche giorno, tuttavia intorno al 18/19 del mese si intravedono primi tentativi di flussi artici di attaccare il bordo orientale anticiclonico con esiti ancora incerti, magari costringendolo già a un arretramento.

I dati abbastanza certi vedono l’azione anticiclonica più pimpante tra sabato 15, domenica 16 e, appunto, lunedì 17, poi la persistenza ulteriore va vagliata nei prossimi giorni. In termini di tempo, naturalmente l’alta pressione porterà stabilità un po’ ovunque sull’Italia, quindi via via anche verso il medio-basso Adriatico, i settori appenninici centro-meridionali, al Sud e sulle isole maggiori con sole sempre più prevalenti anche su queste aree. Tuttavia, nella fase più stabile sono da attendersi un po’ più di nubi basse di provenienza marittima, in particolare sulle regioni del basso Tirreno, sulla Calabria tirrenica, sul Nord della Sicilia, sulla Sardegna e anche verso quelle dell’alto Tirreno, sulla Toscana occidentale e parte della Liguria. Da evidenziare anche, naturalmente, possibili nebbie, soprattutto da domenica e lunedì, sulle pianure settentrionali. In riferimento alle temperature, infine, le previsioni meteo computano un apprezzabile aumento nei valori massimi che localmente potrebbero portarsi anche sopra la norma, come evidenzia l’anomalia nell’immagine interna soprattutto tra sabato e lunedì; non cambierebbero di molto, invece, le temperature minime, che, anzi, nel contesto anticiclonico incentivante l’irraggiamento e il raffreddamento notturno, potrebbero continuare a rimanere piuttosto fredde e sotto lo zero diffusamente sulle pianure del Nord e nelle valli appenniniche, salvo un aumento anche nelle minime verso lunedì 17.