Archeologia, recuperato a Fasano un teschio nella grave degli Appestati: “era lì da secoli”

Accanto al teschio rinvenuto a Fasano, semisommerso nel terriccio nella parte più profonda della grotta, non sono state trovate altre ossa

  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
/
MeteoWeb

 

Esperti della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Lecce hanno recuperato questa mattina il teschio scoperto casualmente il 10 dicembre scorso nella grave degli Appestati di Fasano (Brindisi), a circa 50 metri di profondità, nel corso delle riprese per un documentario sulle cavità carsiche pugliesi. Il reperto verrà ora esaminato dal laboratorio dall’antropologa Elena Dellù che con il collega Roberto Rotondo e Cristina Ancona e con l’assistenza dei volontari del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Spelelologico hanno riportato alla luce il cranio.

Accanto al teschio, semisommerso nel terriccio nella parte più profonda della grotta, non sono state trovate altre ossa. Il primo esame visivo, infatti, non è stato sufficiente per accertare il sesso e l’età del cranio, risalente comunque ad alcuni secoli fa. Gli esperti al momento non si spiegano come sia finito in fondo alla grave. Potrebbe essere rotolato, già scheletrito, dalla ripida china di pietre che lo sovrastava, oppure portato in quel punto da qualche animale sopravvissuto alla caduta nella grave. Tutte le ipotesi restano per ora aperte e sono al vaglio dell’antropologa Elena Dellù. L’assistenza tecnica per la discesa nella grave è stata prestata dagli speleologi del Soccorso Alpino di Castellana, guidati da Gianni Grassi.

L’operazione di recupero si è svolta sotto la supervisione dei carabinieri della Compagnia di Fasano delegati dal sostituto procuratore di Brindisi Montinaro.