Scambio di neonate in ospedale, il papà si accorge del braccialetto sbagliato: “Questa non è mia figlia”

Nel reparto di ostetricia dell’ospedale di Brescia è accaduto ciò che molti neo-genitori temono: uno scambio di neonate

MeteoWeb

E’ l’incubo di molti neo-genitori: ritrovarsi con un figlio che non è il proprio, perché scambiato in culla all’ospedale. Sono tanti i casi ‘storici’, alcuni scoperti dopo anni. Quello che è emerso in questi giorni in Italia ha suscitato molto clamore. E’ accaduto nell’Istituto ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia dove nel mese di ottobre 2021 nel reparto di Ostetricia si è verificato uno scambio di neonati.

E’ stata la neomamma a far emergere l’accaduto con una denuncia seguita allo shock della scoperta. La donna ha raccontato che dopo aver partorito era stata lasciata in sala parto perché non c’erano posti disponibili nel reparto, mentre la piccola era stata portata in pediatria. Il giorno seguente la bimba è stata riportata alla mamma per l’allattamento. Ad accorgersi che qualcosa non andava è stato il marito della donna che ha notato che il braccialetto della bambina non era al polso della piccola ma appoggiato nella culla e aveva il nome di un’altra bambina. La scoperta ha gettato nello sconforto la neomamma, alla quale solo in un secondo momento è stata consegnata la vera figlia.

La giovane coppia ha ora deciso di denunciare l’Istituto ospedaliero per il trauma subito e le conseguenze psicologiche conseguenti. Gli altri due coniugi coinvolti nello scambio hanno deciso di non sporgere querela.